"Coltivatore" di marijuana tradito dalla puzza del suo zainetto: fermato in treno e arrestato

L'uomo a casa aveva oltre due chili tra foglie e germogli di marijuana. La storia

L'odore che arrivava dal suo zaino ha attirato l'attenzione dei poliziotti. E alla fine lo ha incastrato. Un ragazzo di ventidue anni, un giovane bulgaro con precedenti, è stato arrestato martedì dalla Polfer con l'accusa di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Per lui i guai sono iniziati alla stazione di Milano Villapizzone, dove era arrivato a bordo di un treno della tratta Varese-Treviglio. Lì, gli agenti sono stati "attratti" da un forte odore di marijuana e in un attimo hanno capito che arrivava dallo zaino del ragazzo. 

Lui stesso, appena fermato, ha consegnato spontaneamente un grammo di marijuana che aveva in tasca e altri 120 grammi che aveva proprio nello zainetto. A casa sua, invece, i poliziotti hanno trovato e sequestrato oltre due chili e 300 grammi tra foglie, arbusti e germogli di marijuana, 863 grammi di germogli, due barattoli con all'interno venti grammi di "erba" e tutto il materiale necessario per confezionare le dosi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio torna tardi a casa: papà scende, prende a schiaffi gli amici 17enni e ne accoltella uno

  • Morto Manuel Frattini a Milano: infarto durante una serata di beneficenza

  • Milano, Deejay Ten domenica 13 ottobre: vie chiuse e mezzi Atm deviati, il piano viabilità

  • A Milano inaugura TigellaBella: all you can eat di tigelle e gnocco fritto con salumi e formaggi

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

  • Il colpo da un milione di euro a Milano e la fuga con la Fiat Uno: presa la "banda del buco"

Torna su
MilanoToday è in caricamento