homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Patenti facili alla Motorizzazione, nove arresti nell'Hinterland

Un sistema autoscuole-funzionari Motorizzazione civile di Milano permetteva, dietro pagamento, a molti stranieri di conseguire la patente con i testi "pre-compilati". 136 persone indagate

Un altro caso di pratiche "oliate" scuote la provincia di Milano. Dopo le multe "cancellate, nove funzionari con compiti di esaminatori della Motorizzazione civile di Milano e sei titolari e gestori di autoscuole operanti nelle provincie di Milano e di Monza e Brianza sono finiti agli arresti domiciliari con le accuse di associazione per delinquere, corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio e falsità ideologica.

Numerose le patenti di guida sequestrate e ben 136 le persone indagate in stato di libertà. Con la complicità dei funzionari della motorizzazione civile meneghina, i candidati di talune autoscuole, tra cui numerosissimi stranieri extracomunitari provenienti da diverse regioni italiane, ottenevano la patente di guida senza di fatto sostenere le previste sessioni di esame.

Pagando dai 2.000 ai 4.500 euro, ai candidati venivano suggerite le risposte o addirittura compilati i test e conseguivano così la patente.

L'operazione, chiamata 'Easy Ryder', è stata condotta dai Carabinieri delle Compagnie di Seregno (Monza) e di Sesto San Giovanni (Milano) che questa mattina hanno eseguito le misure cautelari emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Monza Giovanni Gerosa al termine di un'indagine avviata nel maggio 2011 e coordinata dai Sostituti Procuratori della Repubblica monzese Salvatore Bellomo e Caterina Trentini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar di Mou
    Mou

    Tra l'altro ieri al tg dal servizio si evinceva pure che questi soggetti di italiano non parlassero nemmeno una parola.i colpi di ramazza non si devono fermare solo alla compravendita di patenti,ma devono andare in là..molto in là.intanto quegli immigrati potrebbero spiegare dove hanno trovato 4000 euro per comprarsi la patente.Se fanno la patente avranno una macchina,e come hanno fatto a comprarsela?se la son trovata sotto casa col fiocco?se non parlando una parola di italiano,come hanno potuto trovarsi un lavoro?Si cominci a capire un po come mai queste presunte "fasce deboli" si siano lanciati in un affare da 4000 euro così con leggerezza.Perchè poi non vorrei che questi signori fossero quelli che hannpo pure la faccia da kulo di chiedere sussidi e assistenzialismo come se piovesse. I dipendenti della motirzzazione vanno licenziati,senza troppe moine E già che ci sono incriminati,chissà quanti pericoli hanno disseminato in giro per le strade.

  • Avatar anonimo di paolo
    paolo

    Perchè, voi credete ai Magistrati che fanno questi arresti! Ingenui! Tutte stronzate

  • che schifezza,quelli che dovrebbero...ma ci sono sempre più imbecilli arroganti e potenziali assassini sulle nostre strade il denaro rende cieche e sordi

  • Adesso capisco perchè c'è in giro, una marea di incompetenti che proprio la macchina mNON LA SA USARE!!!!

    • Si parla tanto di sicurezza stradale, di guida accompagnata a 17 anni, di guide obbligatorie, di esame ai corsi recupero punti , di esami di guida per i ciclomotori, ma poi le patenti si vendono facilmente, e certi funzionari corrotti  lo sono dai tempi del pool di mani pulite, e non possono essere  licenziati perchè l'interdizione dalla pubblica amministrazione richiede una condanna di 5 anni, ma che senso ha il decreto Brunetta sulla PA con la pagellina se poi si permette ad un reato come la corruzione di poter andare in prescrizione?

    • Si parla tanto di sicurezza stradale, di guida accompagnata a 17 anni, di guide obbligatorie, di esame ai corsi recupero punti , di esami di guida per i ciclomotori, ma poi le patenti si vendono facilmente, e certi funzionari corrotti  lo sono dai tempi del pool di mani pulite, e non possono essere  licenziati perchè l'interdizione dalla pubblica amministrazione richiede una condanna di 5 anni, ma che senso ha il decreto Brunetta sulla PA con la pagellina se poi si permette ad un reato come la corruzione di poter andare in prescrizione?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio in zona City Life, fumo nero da un sottopasso in costruzione in viale Eginardo

  • Cronaca

    La metro di Milano “perde” una fermata: stazione di Moscova chiusa per due mesi

  • Cronaca

    Ragazzino prende fuoco al parco, è grave: stava incendiando i cestini con i suoi amici

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano il weekend dall'1 al 3 luglio

I più letti della settimana

  • Berlusconi, la situazione è più grave del previsto: resta ancora ricoverato in ospedale

  • Milano, dramma alla Virgin di corso Como: uomo muore dopo un malore in sauna

  • Dramma nel mondo della moda: modello svedese muore a Milano. Indaga la polizia

  • Dramma in via Orbetello: precipita da un piano alto e muore sul colpo. Ipotesi suicidio

  • Dramma sulle spiagge liguri: donna milanese muore durante le vacanze per un malore

  • Dramma sui binari: treno per Milano uccide un ragazzo di 26 anni al passaggio a livello

Torna su
MilanoToday è in caricamento