La "fabbrica" dei permessi di soggiorno: finti lavori ai migranti per i documenti, tre arresti

In manette padre, figlio e un socio, commercialista. Così il gruppo regolarizzava i migranti

Foto repertorio

Due di loro, padre e figlio, si occupavano di trovare i "clienti". Al terzo della banda, un commercialista, spettavano invece tutte le questioni fiscali. E insieme erano diventati talmente tanto potenti da valicare le Alpi e arrivare con i loro interessi fino in Francia.

Tre uomini - M.D., egiziano di cinquantacinque anni -, A.D., suo figlio 22enne e C.G., italiano 55enne - sono stati arrestati mercoledì dalla polizia di Stato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere perché accusati di aver creato "un'associazione a delinquere operante a Milano e Cologno Monzese finalizzata a far ottenere, attraverso la produzione e la trasmissione di documentazione fittizia e contraffatta, l'emissione o il rinnovo di permessi di soggiorno a cittadini stranieri privi dei necessari requisiti". 

In sostanza, i tre - ognuno con il proprio ruolo - "procacciavano" immigrati che da lì a poco sarebbero diventati irregolari e facevano in modo di far avere loro tutti i documenti necessari per restare in Italia. 

Il gruppo - stando a quanto accertato dalle indagini della Digos - puntava soprattutto a garantire un lavoro e quindi un reddito ai migranti. Per farlo, il commercialista apriva una finta impresa individuale con partita Iva e creava movimenti di soldi giusto per il tempo necessario alle forze dell'ordine per verificare i requisiti per il rilascio del permesso di soggiorno. Così, i migranti diventavano specializzati in tinteggiatura e posa di vetro, si garantivano un reddito - in realtà finto - e riuscivano a ottenere i documenti. 

In altri casi - ha ricostruito la polizia - gli stranieri venivano assunti da quelle stesse ditte individuali, che poi a lavoro "finito" venivano chiuse. La banda era ormai specializzata e rodata, tanto che gli investigatori della Digos hanno scoperto contatti con molti cittadini stranieri residenti in Francia che venivano in Italia e si rivolgevano a loro per ottenere tutte le carte necessarie al rinnovo del permesso di soggiorno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E proprio come ogni società di servizi, i tre si facevano pagare un prezzo differente a seconda della complessità della pratica da sbrigare: da poche centinaia di euro per i "lavori" più semplici fino a qualche migliaio di euro per quelli più complessi. I pagamenti, chiaramente, avvenivano in contanti o attraverso la piattaforma Western Union per non lasciare tracce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

  • Incidente in viale Monza, travolto e ucciso da un'auto mentre cammina sul marciapiede

Torna su
MilanoToday è in caricamento