Accoltella la moglie e la figlia, poi cerca di lasciare l'Italia: arrestato sull'aereo a Linate

Protagonista della fuga un cittadino di 46 anni della Repubblica Dominicana: la vicenda

Repertorio

Lo hanno cercato per cinque giorni. Una caccia serrata che ha dato i suoi frutti con i carabinieri di Roma che lo hanno fermato mentre era seduto su un'aereo che da Milano lo doveva portare in Spagna. Protagonista della fuga un cittadino di 46 anni della Repubblica Dominicana, che cinque giorni prima dell'arresto si è scagliato contro la convivente, e poi la figlia intervenuta in aiuto della madre, tentando di ucciderle con un coltello a serramanico dopo averle picchiate. Le violenze in un'abitazione di via Carlo Pirzio Biroli, zona Due Ponti-Tomba di Nerone. Vittime della furia dell'uomo la convivente di 38 anni e la figlia 15enne, entrambe originarie della Repubblica Dominicana. 

Il provvedimento cautelare è stato notificato all’uomo dai carabinieri della Compagnia Trionfale, in collaborazione con i Carabinieri della Stazione di Linate, che hanno dato esecuzione al decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Roma nell’ambito dell’indagine coordinata dal Sostituto Procuratore Vittoria Bonfanti. L'uomo è stato fermato a bordo di un aereo dell'Alitalia in partenza da Linate e diretto a Barcellona, proprio pochi secondi prima dell’inizio del volo, quando il velivolo aveva già cominciato ad effettuare le manovre e si trovava all’inizio della pista di decollo. 

Dopo la violenza subita, le due donne erano riuscite, unendo disperatamente le forze, a disarmarlo e a scappare calandosi dalla finestra del primo piano, evitando che l’uomo riuscisse a colpirle anche con un altro coltello impugnato nel frattempo. Le donne erano state quindi trasportate in ospedale dove la minore si trova ancora ricoverata dopo aver subito un intervento chirurgico d’urgenza, essendo stata trafitta da una coltellata al rene.

A seguito del feroce gesto, l’uomo si era rapidamente dato alla fuga, rendendosi irreperibile prima dell’intervento sul posto dei carabinieri, che hanno ricostruito celermente la dinamica dei fatti, mettendosi immediatamente sulle tracce del Dominicano. L’uomo si era quasi subito trasferito a Milano, trovando ospitalità da un amico ed aveva attivato una scheda telefonica con intestatario fittizio: con questo numero era entrato in contatto proprio con la convivente e, come se nulla fosse successo, le aveva chiesto di inviargli del denaro e dei vestiti per aiutarlo a scappare dall’Italia dove ormai era ricercato. 

LA FUGA E L'ARRESTO SULL'AEREO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • "Raffiche di vento fino a 75 chilometri orari": a Milano scatta l'allerta meteo gialla

Torna su
MilanoToday è in caricamento