Arrestato, si "fa mandare" ai domiciliari ma in casa ci sono droga e soldi: arrestato di nuovo

L'incredibile storia di un 43enne, arrestato due volte nel giro di poche ore a Milano. I fatti

Ai carabinieri che lo avevano fermato, forse per evitare che andassero a controllare, aveva detto di non avere una casa. Al giudice, però, certo che così avrebbe evitato il carcere, ha spiegato di avere un'abitazione, un tetto sotto cui stare. E così ha ottenuto gli arresti domiciliari, almeno fino a quando - nel giro di pochissimo - è finito di nuovo in cella. 

Incredibile "record" di un uomo di 43 anni, un cittadino marocchino irregolare in Italia e con precedenti, che è stato arrestato due volte nel giro di poche ore a Milano, sempre con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Per lui la prima volta le manette erano scattato domenica sera, quando aveva cercato di fuggire a un controllo dei carabinieri in zona Rogoredo scappando a piedi da via del Futurismo verso la rampa della tangenziale. Il pusher era stato fermato ed era stato trovato in possesso di 60 grammi di eroina e 910 euro in contanti. Dopo una notte nelle camere di sicurezza, lunedì mattina il 43enne è stato sottoposto all'udienza di convalida dell'arresto: nonostante ai militari avesse detto di non avere un domicilio, l'uomo ha confermato al giudice di avere un appartamento a San Giuliano Milanese e ha così ottenuto gli arresti domiciliari in attesa del processo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto, i carabinieri lo hanno caricato in auto e lo hanno accompagnato verso l'abitazione dove avrebbe dovuto scontare i domiciliari. Durante il viaggio, però, il pusher è apparso via via sempre più nervoso, tanto che gli investigatori hanno deciso di dare un occhio in casa. È bastato pochissimo per trovare 35 grammi di cocaina nascosti in un mobile della camera di letto, un bilancino di precisione, tutto il materiale per confezionare le dosi e 9.030 euro in contanti. Così, a neanche 24 ore dal primo arresto, il 43enne è finito in cella. Un'altra volta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Milano, i clienti non rispettano le norme anti Coronavirus: il pub decide di 'auto chiudersi'

Torna su
MilanoToday è in caricamento