Aggressione a Bettarini jr., il processo ai 4 arrestati inizia il 13 novembre

Ma gli aggressori hanno ancora tempo per chiedere il rito abbreviato con eventuale sconto di pena

Niccolò Bettarini

Il 13 novembre dovrebbe iniziare il processo con rito immediato per i quattro giovani (due italiani di 24 e 29 anni e due albanesi di 23 e 29 anni) arrestati con l'accusa di tentato omicidio per avere aggredito Niccolò Bettarini, 19enne figlio di Stefano e Simona Ventura, non lontano dalla discoteca Old Fashion di Milano il 1 luglio 2018.

Tuttavia i quattro potrebbero ancora chiedere il giudizio con rito abbreviato, che fra l'altro prevede lo sconto di un terzo della pena se venissero poi condannati. Dunque la data del processo potrebbe ancora cambiare. Il gip di Milano Stefania Pepe ha comunque deciso di saltare l'udienza preliminare e rinviare a giudizio direttamente i quattro giovani.

L'aggressione era avvenuta nei pressi di un chiosco di fronte all'Old Fashion, sul lato opposto di viale Alemagna, in piena notte. Niccolò, soccorso dai suoi amici, era stato trasportato d'urgenza al Niguarda e operato. Aveva ricevuto undici coltellate. In seguito all'aggressione, il questore di Milano Marcello Cardona aveva disposto la sospensione della licenza al locale per 30 giorni, ma dopo quasi 2 settimane il Tar aveva accolto il ricorso del gestore dell'Old Fashion: alla riapertura anticipata si era presentato anche il ministro dell'Intero Matteo Salvini.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

  • Attimi di apprensione da Ikea: "Scatta allarme di evacuazione e fanno uscire tutti dallo store"

Torna su
MilanoToday è in caricamento