Rubavano le bici e le rivendevano online: fidanzati arrestati

In cantina avevano 17 biciclette rubate. I proprietari protranno reclamarle presentandosi in commissariato

Repertorio

Rubavano biciclette per le strade di Milano e poi le mettevano in vendita su un sito internet di commercio tra privati. Una coppia di albanesi è stata scoperta e arrestata dalla polizia grazie anche alla collaborazione di una vittima che aveva denunciato in commissariato Monforte-Vittoria il furto della sua bicicletta.

Gli agenti hanno cercato di rintracciare la bici sul sito web e alla fine l'hanno trovata. Così hanno intavolato una trattativa online con il "venditore" fino a fissare un appuntamento con l'uomo, un 31enne. Allo scambio si è presentata proprio la vittima del furto. Quando la bici è passata di mano, gli agenti sono intervenuti bloccando l'albanese.

17 bici in cantina

Successivamente, gli investigatori sono risaliti a una cantina di un edificio popolare, intestata alla fidanzata 21enne dell'uomo, e vi hanno trovato ben 17 biciclette, tutte rubate e naturalmente poste sotto sequestro.

Le manette sono scattate anche per la donna. I due, incensurati e regolari in Italia, avevano "avviato" questa attività, rubando le biciclette e catalogandole con fotografie per venderle online. Ora rispondono di ricettazione. E i proprietari delle bici potranno recuperarle presentandosi al commissariato Monforte-Vittoria con la relativa denuncia di furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento