Bomba in banca a Pero, esplosione fa saltare il bancomat: rapinatori in fuga con la supercar

Il colpo alle tre della notte tra martedì e mercoledì. Danni alla banca, bottino da quantificare

I danni alla banca - Foto G. Scalici Sei di Pero Se.jpeg

La carica piazzata e innescata. Lo scoppio, poi la fuga in auto. Colpo dei rapinatori a Pero, teatro di un vero e proprio assalto alla banca Popolare di Sondrio che si è consumato nella notte tra martedì e mercoledì. 

Pochi minuti prima delle 3, una banda di ladri - per il momento tutti rimasti ignoti - ha infatti fatto saltare il bancomat della filiale che si trova all'angolo tra via Olona e via Greppi.

I malviventi, stando alle primissime informazioni raccolte, sono poi riusciti ad arraffare i contanti e sono fuggiti a bordo di un'auto di grossa cilindrata. Il bottino non è ancora stato quantificato, ma sembra che si aggiri attorno ai 50mila euro. 

Pesanti i danni all'ufficio causati dalla bomba - probabilmente la classica marmotta usata dai "bancomattari" -, che ha praticamente devastato l'ingresso della banca e parte degli interni. 

L'ultimo colpo ai bancomat era avvenuto lo scorso fine aprile, quando una banda aveva messo a segno due rapine in rapida successione tra il Comasco e il Milanese. I cinque rapinatori - tutti professionisti del settore - erano stati fermati in flagranza dai carabinieri, che li avevano aspettati nel loro covo e arrestati
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

Torna su
MilanoToday è in caricamento