Bullismo nel liceo del centro: 14enne insultato per mesi su Instagram, "ammonito" il bullo

Il giovane era stato preso di mira per la sua presunta omosessualità. Il bullo sarà "curato"

Agli agenti che sono andati ad "ammonirlo" è apparso realmente dispiaciuto. A loro ha detto di chiedere scusa alla sua vittima, che al momento - dopo mesi di sofferenza - non è ancora pronta a incontrarlo di persona. Poi, insieme ai suoi genitori - una buona famiglia, benestante -, si è detto pronto a iniziare il percorso terapeutico. 

Un ragazzino di quattordici anni, studente in un liceo del centro città, è stato "ammonito" dal Questore di Milano per atti di bullismo nei confronti di un suo coetaneo, anche lui iscritto nello stesso istituto, ma in un'altra classe. 

"Sei gay" e le foto su Instagram

Stando a quanto accertato dagli agenti della Divisone Anticrimine, dallo scorso gennaio fino a metà aprile il bullo ha creato e gestito un profilo Instagram falso sul quale ha caricato decine e decine di fotomontaggi con protagonista il compagno, preso di mira e insultato per la sua presunta omosessualità. Nel mirino del ragazzino è finita anche la fidanzatina del 14enne, anche lei apparsa tra le immagini sul social. 

Bulli e stalker saranno "obbligati" a curarsi

A far scoprire il profilo allo studente sono stati i suoi compagni di classe, che gli hanno mostrato tutta la loro solidarietà. A quel punto, la vittima ha anche affrontato il bullo, chiedendogli che problemi avesse, senza però riuscire a fermare la pubblicazione delle foto, che in alcuni casi hanno raggiunto anche cinquanta "like", tutti di studenti della stessa scuola. 

La vittima che "abbandona" la scuola

Per qualche giorno, ormai sconfortato e quasi spaventato, il 14enne ha anche abbandonato le lezioni per non avere più a che fare con il bullo prima che suo padre riuscisse a convincerlo a tornare.

Proprio il padre, una volta scoperta la storia, si è rivolto alla polizia, che in pochi giorni ha trovato e identificato il bullo. 

Il bullo sarà "curato"

Gli agenti hanno così deciso di emettere un decreto di ammonimento, il provvedimento introdotto dalla Questura che dispone per bulli e stalker "l'ingiunzione trattamentale".

Il 14enne infatti sarà "costretto" a frequentare, insieme ai genitori, il centro italiano per la promozione della mediazione - Cipm -, dove seguirà un percorso terapeutico che lo aiuterà a capire gli errori commessi. Errori che sembra già aver iniziato a comprendere. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Avatar anonimo di Riki
    Riki

    Colpa genitori sempre. Arrestarli

    • arrestiamo anche i nonni!

  • cinghiale nel faccia :-)

    • Dove andiamo a prenderlo il Cinghiale ? :)

  • Meglio 100

  • tutta la scuola a prenderlo a schiaffi

    • Più obbligo di firma in parrocchia. Ma è solo un’opinione.

      • Obbligo Di firma per gli italioti comunisti. Ma è solo un opinione

  • Due sberle altroché recupero e capisce la lezione

    • Fosse così semplice riformare le persone avremmo risolto la maggior parte dei problemi.

      • Ma no,dopo quattro sberloni comincia la fase (ri) educativa.

    • Meglio quattro.

Notizie di oggi

  • Video

    Aler, case popolari "abbandonate": la denuncia dei residenti di via Lope de Vega

  • Politica

    Spazio pubblico da assegnare: «Ma no ad associazioni contro aborto e unioni civili»

  • Meteo

    Raffiche di vento a 90 Km/h, poi temporale e "neve tonda": meteo pazzo a Milano

  • Cronaca

    Milano: uomo molesta i passeggeri sul bus, in tasca ha un coltello, Salvini: "Da espellere"

I più letti della settimana

  • Incendio bus sulla Paullese: autista dirotta e dà fuoco al mezzo: "Voglio vendicare i morti in mare"

  • Fabrizio Corona torna in carcere: avrebbe violato le disposizioni del tribunale

  • Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Meningite, morta Federica: ragazza di 24 anni

  • Travolta da un treno in stazione a Locate, 30enne perde entrambe le gambe: treni in tilt

  • Ragazzino fermato dalla polizia chiama i genitori, ma loro sono due ricercati: arrestati

Torna su
MilanoToday è in caricamento