"Dovrei tagliarle la testa": così parlava il camionista aspirante kamikaze per l'Isis

Ecco le intercettazioni shock di Yusuf, il camionista convertito all'Islam. I dettagli

“Meglio morire che tradire”. E ancora: “Moglie e figli sono proprietà del marito”. Poi, rivolgendosi alla madre: “Se dovessi avere una figlia, e la facessi crescere come volete voi, in Italia, allora dovrei tagliarle la testa”.

Sono solo alcune delle agghiaccianti conversazioni intercettate che raccontano della radicalizzazione di Giuseppe Frittitta, il camionista siciliano "trapiantato" in Brianza arrestato con l'accusa di terrorismo.

Da Giuseppe a Yusuf

Aveva già il suo nome islamico, Yusuf El Saqilli: da tempo convertito all'Islam, inizialmente come un semplice fedele, poi con tendenze radicali e presunte volontà terroristiche, le circostanze che appunto hanno portato al suo arresto. Litigava con i suoi genitori, li definiva “miscredenti”. E in casa tanti litigi, e addirittura “mobili che volavano”.

“L'estremo livello di radicalizzazione di Frittitta – scrivono gli inquirenti – era comprovato dal conflittuale rapporto con i genitori, a seguito della sua conversione e adesione ai rigidi canoni della religione salafita”. Sul web aveva pure conosciuto una ragazza, marocchina, con cui avrebbe voluto convolare a nozze.

"Speriamo che non vada nell'Isis"

“Ma non posso vederla né frequentarla – diceva Frittitta – prima del matrimonio, perché così dice la mia religione”. Sotto shock i genitori, increduli per le sue decisioni, prima, e per quanto accaduto poi. Fino all'arresto, soltanto poche ore fa. La madre in particolare, telefonando a un'amica diceva: “Speriamo che non va a finire come quelli dell'Isis”. Insieme a lui in manette ci è finito Ossama Ghafir, marocchino di 18 anni residente a Cerano, provincia di Novara.

Sono entrambi ritenuti responsabili, a vario titolo, di reati in materia di terrorismo. In particolare, pare fossero in possesso di materiale che inneggiava all'Isis, lo divulgavano tramite i social network - Facebook e Instagram -, nel tempo libero si sarebbero “esercitati” in vari modi, studiavano le tecniche dei kamikaze, si esercitavano su come poter sabotare i servizi pubblici.

Frittitta, originario di Palermo, più e più volte avrebbe pubblicamente fatto apologia di delitti in materia di terrorismo: condivideva, scrivono ancora gli inquirenti, “materiale avente carattere estremista e jihadista, mantenendo contatti con soggetti italiani e non convertiti alla fede islamica e noti per il loro livello di radicalizzazione”.

La conversione da estremista

Il suo “percorso” avrebbe preso il via circa un paio d'anni fa, quando Frittitta detto Yusuf ha cominciato a frequentare un luogo di culto islamico, in provincia di Palermo. Dopo aver conseguito l'abilitazione a condurre mezzi pesanti, camion e Tir, si è trasferito al Nord per motivi di lavoro.

Qui avrebbe ancora “gonfiato” il suo livello di radicalizzazione, frequentando assiduamente luoghi di culto della provincia di Monza-Brianza e intensificando le relazioni di amicizia con Ossama Ghafir e altri soggetti italiani e stranieri di fede islamica, e con posizioni estremiste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estremiste come le sue frasi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento