Carabinieri chiedono sesso a prostitute per chiudere un occhio

Il pm di Milano Giovanni Polizzi ha chiesto una condanna a 6 anni e una a 4 anni e 10 mesi per i due carabinieri della caserma di Pero finiti in carcere lo scorso marzo con le accuse di violenza sessuale e concussione

I due carabinieri sono finiti in carcere a marzo

Chiesta condanna per due carabinieri che accusarono sessualmente alcune prostitute. 

Il pm di Milano Giovanni Polizzi ha chiesto una condanna a 6 anni e una a 4 anni e 10 mesi per i due carabinieri della caserma di Pero (Milano) finiti in carcere lo scorso marzo con le accuse di violenza sessuale e concussione perché avrebbero costretto due prostitute straniere ad avere rapporti sessuali dicendo loro, in sostanza, che quella era l'unica possibilità che avevano per evitare di essere denunciate.

La pena più alta è stata chiesta per il più alto in grado, detenuto in carcere, a cui sono contestati due episodi e per cui il pm ha chiesto anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Interdizione per cinque anni invece e una pena a 4 anni e 10 mesi è stata chiesta per il secondo, ai domiciliari, a cui é contestato un episodio.

L'udienza davanti al gup è stata rinviata al prossimo 4 dicembre data in cui la parola passerà alle difese e potrebbe anche arrivare la decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

Torna su
MilanoToday è in caricamento