"Finale" e sesso in hotel: prostitute nel centro cinese, 'in vendita' anche la figlia della titolare

In manette i due gestori, accusati di sfruttamento della prostituzione. Chiuso il centro

Le prenotazioni al telefono erano abbastanza esplicite, con quel "finale" che lasciava intendere tutto. E i clienti fermati all'uscita, loro malgrado, non hanno potuto far altro che confermare che i sospetti degli agenti erano più che fondati. 

Giovedì mattina la polizia ha arrestato un uomo e una donna - cinquantatré anni e thailandese lei, cinquantotto anni e italiano lui - accusati di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione per aver fatto prostituire alcune ragazze all'interno di un centro massaggi cinese di via Oslavia a Sesto San Giovanni. 

Nel locale, che è stato chiuso, lavoravano "tre giovani donne e due transgender, tutti tahilandesi", scrive in una nota la polizia, che nell'indagine è stata affiancata dalla Locale. I compiti dei due gestori erano ben delineati: l'uomo si occupava di organizzare e finanziare il lavoro, mentre alla donna spettavano le pratiche per la guida "operativa". 

"Dalle intercettazioni è emerso che le prenotazioni e richieste di informazioni da parte dei clienti - chiarisce ancora la Questura - prevedevano oltre al massaggio classico una prestazione sessuale a pagamento, indicata spesso con la frase massaggio con finale", come è poi stato confermato da alcuni clienti agli investigatori del commissariato di Sesto, guidati dal dirigente Daniele Barberi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E al sesso a pagamento non sfuggiva neanche una ragazza di ventotto anni, figlia della titolare del centro, che è stata costretta - secondo quanto accertato dalle indagini - ad avere rapporti sessuali con un uomo in un hotel del centro di Sesto. I guadagni degli appuntamenti, circa 100 euro, venivano dati direttamente alla "boss", che poi li divideva con l'uomo. Adesso per entrambi si sono aperte le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

  • Con febbre e sintomatica, donna prende due aerei da Milano fino al Ragusano

Torna su
MilanoToday è in caricamento