"Le chiatte dei ristoranti via entro quattro mesi". La sentenza

Il consiglio di stato dà l'ordine: è necessario un bando del comune per lo "sfruttamento economico" dello "spazio acquoso"

Le chiatte sul Naviglio Pavese (Instagram Elinasmile)

Le chiatte all'inizio del Naviglio Pavese hanno i giorni contati, almeno sulla carta. Una sentenza del consiglio di stato (definitiva, quindi) afferma che, entro 120 giorni, devono scomparire. 

La questione è legata al fatto che, per potere occupare uno spazio demaniale come è l'acqua del Naviglio Pavese, occorre partcipare a un bando. Questo perché si tratta di uno spazio «economicamente contendibile». Il bando però non è ancora pronto. Gli uffici comunali stanno predisponendo un regolamento d'uso, che è la premessa necessaria per attivare una gara pubblica. I giudici del secondo grado amministrativo hanno pertanto stabilito che il comune di Milano ha tempo 120 giorni per il bando, dopodiché i barconi dovranno comunque lasciare la postazione.

Quindi, presto, niente più bar e ristoranti ormeggiati all'inizio del Naviglio. E' da molti anni che ci sono contenziosi tra il comune (e prima ancora la regione) e i gestori. Che si dicono disposti a partecipare ad un eventuale bando. Ma, ovviamente, vogliono trovare il modo per non andarsene se trascorrerà il tempo stabilito. Le chiatte sul Naviglio esistono dagli anni '80 e sono ormai diventate simboliche per la città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore a Milano, ragazzo trovato morto in casa: cadavere in avanzato stato di decomposizione

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, la metro cresce ancora: dal governo arrivano i soldi per prolungare la linea rossa

  • Un ponte sospeso, store "sperimentali", 190 negozi: ecco il nuovo mega mall di Milano

  • Scuole, ecco i licei e gli istituti di Milano dove il diploma vale oro: la classifica completa 2019

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

Torna su
MilanoToday è in caricamento