martedì, 02 settembre 16℃

Il triste tramonto dei cinema porno: a Milano rimangono in quattro

Sono rimasti in quattro i cinema hard a Milano: fagocitati dal web e dai video gratis, sono diventati ormai ritrovi per "incontri clandestini"

Alessandro Rovellini 4 aprile 2012

Sono come dei panda. Anzi, più che panda dei "dodo", sull'inesorabile via del tramonto della specie. I cinema hard rimasti a Milano si contano sulle punta delle dita. E non riescono nemmeno a rimpire una mano. Sono il Pussycat al Giambellino, l'Ambra di via Padova, il Garden a Lambrate e il Sempione in via Pacinotti. 

Finiti. Fagocitati e sbranati dall'avvento di internet e dei video gratis sul web. I loro "de profundis" lo intona Libero, nelle pagine milanesi. "Nella Milano da bere dei mitici anni Ottanta pullulavano le sale a luci rosse. Era sufficiente camminare per strada, magari a braccetto con la compagna, per imbattersi in un tripudio di foto sexy e locandine osè. Incassavano fior di quattrini i venti cinema porno disseminati, senza distinzione, tra centro e periferia, con tanto di pubblicità nelle pagine degli spettacoli del Corriere nazionale", si legge.

"Un business assai fiorente per ragazzi alle prime esperienze, mariti allo sbando e arzilli pensionati. Ma l'avvento di internet ha stravolto il mercato, e tolto molto pathos ai sogni erotici del maschio italico in pausa pranzo. Ora va di moda Youporn, ma resistono i Dvd", scrive il giornale diretto da Maurizio Belpietro.

Annuncio promozionale

Da segnalare, però, che di cinema, chi frequenta le pochissime sale rimaste, interessa ben poco. Sono delle specie di sale-incontro. "Francamente dei film in programmazione non interessa più nulla, essendo divenute zone no limits per incontri clandestini. Dimentichiamo i goliardici militari in libera uscita, perché troveremo solo bisex in cerca di svaghi alternativi e trans desiderosi di veloce compagnia. O meglio, l'ignoto oltre la porta d'ingresso, conclude.

cinema

Commenti