La cocaina purissima nello zaino della bimba: i trucchi dei narcos e la "coca" per la movida

Arrestati due italiani e sette peruviani. Altri tre sono ricercati. Ecco i trucchi dei narcos

I quadretti usati per nascondere la cocaina

Avevano riempito lo zaino di una bimba di undici anni con oltre due chili di cocaina purissima. Senza che lei lo sapesse, l'avevano trasformata in una "mula", con la speranza che portasse a termine il suo compito. Purtroppo per loro, però, ad attendere la piccola al varco c'erano gli uomini della Guardia di finanza di Pavia, che martedì mattina - dopo una lunghissima indagine - hanno fatto scattare le manette. 

In cella, tutti con l'accusa di traffico internazionale di droga, sono finiti sette peruviani - tra cui cinque donne - e due uomini italiani, mentre altri tre peruviani sono attualmente latitanti e ricercati. 

Video | Così i narcos usano i bimbi per portare la coca in Italia

Nell'inchiesta della Gdf, rinominata "Huarango", gli investigatori sono riusciti a ricostruire il flusso di cocaina purissima tra il Perù e le piazze della movida di Milano e Pavia, mettendo le mani su venti chili di droga. La svolta è arrivata quando all'aeroporto di Lima gli agenti sudamericani hanno fermato due insospettabili italiani che erano di ritorno a casa con sei chili di cocaina pura nel bagaglio. Fallito il primo viaggio, i narcos ci hanno riprovato, con ancora meno scrupoli. 

Il gruppo, stando a quanto accertato dalle fiamme gialle, ha infatti nascosto due chili di "bianca" nello zaino di una 11enne che viaggiava come minore non accompagnata per raggiungere sua mamma in Italia. All'arrivo a Malpensa, però, i finanzieri l'hanno fermata e hanno sequestrato la droga, che era nascosta nei telai di immagini sacre e in statuette della Madonna. Dopo il secondo sequestro, i narcos hanno messo nel mirino la mamma della bimba, che in realtà nulla sapeva di quel carico, convinti che la signora avesse recuperato la cocaina e avesse iniziato a venderla in autonomia. 

Da quel momento, sempre tenendo sotto controllo la mamma e la piccola per evitare possibili vendette, gli investigatori hanno stretto il cerchio e martedì, con un mega blitz che ha coinvolto Milano, Napoli e Terni, hanno fermato i narcotrafficanti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • "Raffiche di vento fino a 75 chilometri orari": a Milano scatta l'allerta meteo gialla

  • Milano, uomo si spoglia su un tram in pieno giorno e tenta di violentare una studentessa

Torna su
MilanoToday è in caricamento