Coppia dell'acido, c'è la prima condanna definitiva: 12 anni alla Levato

L'ex studentessa universitaria ha deciso di non ricorrere in Cassazione contro i 12 anni a lei inflitti, lo scorso aprile, dalla Corte d'Appello di Milano

La Levato

C'è la prima condanna definitiva nella vicenda delle aggressioni con l'acido messe in atto, secondo l'accusa, dagli ex amanti Martina Levato e Alexander Boettcher e dal presunto complice Andrea Magnani. L'ex studentessa universitaria, infatti, stando a quanto spiegato dal suo legale, l'avvocato Alessandra Guarini, ha deciso di non ricorrere in Cassazione contro i 12 anni a lei inflitti, lo scorso aprile, dalla Corte d'Appello di Milano per il blitz nei confronti di Pietro Barbini.

Nemmeno la Procura generale di Milano ricorrerà in Cassazione e, dunque, anche se i termini per il ricorso formalmente non sono ancora scaduti, la condanna di fatto è ormai definitiva. Stanno lavorando all'impugnazione, invece, gli avvocati Lamberto Rongo e Giovanni Maria Flora, legali di Boettcher, condannato in secondo grado a 14 anni, come chiesto dal sostituto pg Lucilla Tontodonati, per il caso Barbini e a 23 anni in primo grado per gli altri blitz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo secondo filone d'indagine, invece, Martina è stata condannata ad altri 16 anni, mentre il presunto complice Magnani a 9 anni e 4 mesi. Per l'episodio ai danni di Barbini, che venne sfigurato il 28 dicembre 2014 (quella sera i due amanti finirono in carcere), l'ex bocconiana in appello, a differenza di Boettcher che si è sempre professato innocente, è riuscita ad ottenere una riduzione della pena da 14 a 12 anni. Levato, infatti, come hanno scritto i giudici (Fabio Tucci-Piero Gamacchio-Simona Improta) nelle motivazioni, depositate lo scorso 6 luglio, ha intrapreso in carcere "un percorso evolutivo di apprezzabile positività", ha offerto negli ultimi mesi "una confessione sempre più ampia" e ha così rotto "il rapporto con il coimputato" Boettcher, il quale prima aveva su di lei una "marcata dominazione", mentre la ragazza "ne subiva la fascinazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento