Parla Fabrizio Corona: "Sono vittima, potrei entrare in politica e fare il partito come Grillo"

L'ex re dei paparazzi si apre al Corriere. E racconta un progetto futuro per entrare in politica

Fabrizio Corona, foto da Instagram

Giustizia, vita privata e futuro. Tutto con i soliti modi da "uomo copertina", tutto con il suo classico stile. 

Fabrizio Corona, uscito quattro mesi fa dal carcere, si è raccontato a 360 gradi in un'intervista concessa a Raffaella Cagnazzo del Corriere della Sera, parlando del suo passato, del suo presente e di quello che sarà.  

"Ci sono stati vari fenomeni mediatici, io però sono un fenomeno che dura da venti anni - le sue parole -, perché poi per durare devi sapere mischiare notizie vere e false, sfruttando le storie d'amore, la cronaca. Fai business, ma devi saperlo fare".

Già, la cronaca e i problemi giudiziari, come la richiesta di condanna a due anni e nove mesi di carcere che dal 5 giugno scorso pende di nuovo sulla sua testa dopo la ritrovata libertà. "Fabrizio Corona è vero nelle battaglie giudiziarie perché lì tiro fuori i miei principi e me la gioco alla pari con chi mi deve giudicare. Penso di essere stato una vittima della giustizia sotto tanti punti di vista - ha detto l'ex re dei paparazzi -, l'unico nel genere ad affrontare le avversità. E per questo oggi sono immortale, sono uno che dopo quattro cadute all'interno si è rialzato ed è diventato più famoso di prima". 

E non è escluso, anzi, che la sua fama serva per una carriera politica, dato che - Corona dixit - "non stimo le persone del nuovo governo e non reputo preparato il nuovo ministro della giustizia". "Non escludo che tra dieci anni entro in politica - ha detto Corona -. La legge Severino oggi non me lo permette, ma potrei fare un partito come Grillo - il riferimento è al Movimento cinque stelle -, raccogliere consensie poi mandare avanti un nome altisonante". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi, in conclusione, un attacco a Don Mazzi, che si era detto deluso da Corona dopo il suo arresto di ottobre 2016 per il tesoretto di quasi due milioni di euro trovato a casa sua e della collaboratrice Francesco Persi. "Lui è un pietoso, un buffone - le dure parole dell'ex fotografo -. Non mi ha mai visto, va in tv solo per apparire. È il nulla assoluto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

  • Bollettino Lombardia martedì 19 maggio: sempre più guariti, ma risalgono morti e contagi

  • Incidente in viale Monza, travolto e ucciso da un'auto mentre cammina sul marciapiede

Torna su
MilanoToday è in caricamento