La nuova vita di Corona: “Pulisce i bagni e cucina per i rifugiati”

Don Mazzi racconta a Chi l'esperienza dell'ex re dei paparazzi ai servizi sociali: "Aiuta i rifugiati durante le lezioni di informatica, serve i pasti e lava i piatti. E non si lamenta quando deve pulire i bagni"

Corona ai servizi sociali - FOTO CHI

Non si sottrae ai suoi obblighi. E’ sempre disponibile e cortese. E riga dritto. Parola di don Mazzi. 

Sembra aver decisamente cambiato vita Fabrizio Corona, che sta scontando nella comunità Exodus di Gallarate la sua pena ai servizi sociali. Nella struttura che accoglie l’ex re dei paparazzi sono ospitati anche una trentina di rifugiati nigeriani ed è proprio su di loro che si concentrano le attenzioni di Corona. 

Come mostrano le immagini pubblicate in esclusiva dal settimanale “Chi, l’ex fotografo ha il compito di aiutare i rifugiati durante le lezioni di informatica, di servire i pasti a tavola e lavare i piatti. 

Tutte incombenze alle quali lo stesso Corona non si sottrae.

“Si sta comportando bene - giura don Mazzi intervistato dal settimanale -. Rispetta gli orari e gli obblighi previsti dal suo protocollo all'interno della comunità. Non si lamenta quando deve pulire i bagni o cucinare per tutti. Soprattutto mi stupisce la sua ubbidienza. Quando parlo, quando mi arrabbio, lui ubbidisce. Comunque oggi Corona è felice. Credo - conclude - che gli manchi l'amore, una donna, una ragazza”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento