Milano, mega murales in Darsena per ricordare Dax e corteo antifascisti per la città

La mamma: "Davide credeva fino in fondo in quello che faceva e i giovani di oggi, quando racconto la sua storia, mi ringraziano"

Il corteo. Foto Cantiere

"La lotta non si arresta. Contro carcere e capitale, complici e solidali" e il volto di Dax: è il nuovo murales che in Darsena, a Milano, ricorda Davide Cesare, il militante di sinistra ucciso nella notte tra il 16 e il 17 marzo del 2003 davanti al centro sociale O.r.so da Federico, Mattia e Giorgio Morbi, simpatizzanti di estrema destra.

Già negli anni passati c'era stato un grande murales in Darsena

E proprio da piazza XXIV maggio, sabato 16 marzo sera, è partito il corteo di quasi un migliaio di persone, secondo gli organizzatori, tra militanti del coordinamento Memoria Antifascista e centri sociali che hanno sfilato lungo corso di Porta Ticinese, per raggiungere via Brioschi, dove c'è la targa che ricorda Dax, per poi chiudere il corteo in via Gola, dove abitava il giovane.

Petardi e fumogeni durante il corteo 

In corteo anche Rosa, mamma di Davide: "Chi ha un'ideologia diversa sarebbe felice se tutto cadesse nel dimenticatoio. Davide credeva fino in fondo in quello che faceva e i giovani di oggi, quando racconto la sua storia, mi ringraziano: non è vero che sono disinteressati, hanno una coscienza antifascista".

Durante il corteo sono stati accesi vari fumogeni e sono state esplosi alcuni petardi.

Il mega murales in Darsena: foto 

Murales per Dax in Darsena-2

Il corteo negli anni passati: video

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (49)

  • Avatar anonimo di Riki
    Riki

    Non avete problemi ? Quanta gente che scrive qui non ha un cavolo da fare. Poi dicono crisi troppa gente in pensione e che non fa un cavolo

  • Il diritto a manifestare è un principio fondamentale della nostra Costituzione. Nulla da dire su questo. Però la Darsena, come ogni altro luogo pubblico, è patrimonio di tutti, non solo dei manifestanti. Non ritengo quindi giusto invadere questi spazi con murales non autorizzati e non concordati con i residenti. E' una forma di prevaricazione. Come residente in zona spero che il murales sia cancellato. Ci sono altri mille modi per ricordare Dax, ci sono mille modi per organizzare manifestazioni (sacrosante!!) antifasciste, concerti, cortei, flash mob, spettacoli teatrali... senza bisogno di deturpare uno spazio pubblico. Essere contro il murales non signi****** non essere antifascisti. Non centra nulla. La prima vera forma di democrazia è il rispetto degli spazi di tutti.

  • In pochi sanno che Dax a 14/15 anni era un simpatizzanti skinheads.. addirittura si era fatto una svastica disegnata con la macchinetta taglio capelli dietro la testa... Poi crescendo è passato da un estrema fazione all altra.. Ora smentite pure e insultatemi.. ma io coetaneo ci ho fatto le medie assieme.. quindi so ciò che dico..

    • Vero!

  • Ogni Paese ha la sua storia e la memoria purtroppo non si cancella. Ma è giusto che sia così. Le dittature sono tutte uguali e hanno gli stessi punti in comune: viene soppressa ogni forma di libertà e l'individuo è annientato. Tornando al ns. Paese, anche noi abbiamo vissuto una dittatura e come se non bastasse, abbiamo anche sposato e attuato le leggi di Norimberga... legittimandole! Un massacro contro un'etnia, un orrore perpetuato in casa ns! In tempi più recenti, abbiamo avuto organizzazioni terroristiche o schegge impazzite e intrise di odio da ambo le parti! Nessuno, in democrazia, ha mai legittimato questi atti. Destra o Sinistra che sia. Ma non chiediamoci perché in Italia è forte il sentimento antifascista... Che per molti, erroneamente, si traduce e riduce nell'essere comunista per forza!!

  • chi conosce le persone può parlare, nient'altro. Davide era uno dei tanti che nei centri sociali ci andava a farsi i lotti. spacciava e usciva con tanta gentaglia a Rozzano. chi conosce parla e sa che quella fu una lite fra balordi che di politico aveva ben poco. la madre poi, imbarazzante. un personaggio dell'antifascismo INESISTENTE.

    • sua mamma era sindacalista alla AMC di Rozzano..la conosco strabene.. e Davide durante l'adolescenza era di opposte ideologie.. poi l'illuminazione... mah..

  • io penso che tutti i poveri fascisti che sotto questo post stanno dando sfogo all'ignoranza più totale dovrebbero informarsi bene prima di aprire la bocca

  • Milano è piena di Pidioti, non guardate solo quello che fanno i fascisti, ma guardate i kompagnelli che in varie manifestazioni hanno devastato la città.

    • carissima Rosetta solo per informarti la manifestazione non ha niente a che fare con il pd

  • ahahah fonti?le carestie non sono uccisioni ma voi fascisti mettete insieme QUALSIASI morte per fare numero è passare per AGNELLI

    • Le fonti le trovi tranquillamente su internet, se per caso non hai libri di storia in casa, e non ho menzionato carestie

      • per internet cosa intendi Wikipedia? pagina chiaramente fascista

    • concordo pienamente

  • Spero ripuliscano il murales

    • ripulisciti la bocca

    • ripuli sciti il cervello

  • Mao Zedong 78.000.000 di uccisioni Jozef Stalin 23.000.000 di uccisioni Pol Pot 1.7000.000 di uccisioni Mussolini 890.000 in tutto il 20ennio compresi i morti al fronte. Ma la piantiamo di rompere le scatole con i “fascisti” la sinistra dovrebbe stare enormemente zitta visto che è una fabbrica di morti a tutto spiano

  • Via Brioschi, numero 22. Cinquanta metri dall'angolo con via Zamenhof, dal bar Tipota, dalle pozze di sangue ancora fresco che segnano il luogo dove Davide Cesare è stato sgozzato con un coltello da pellettiere. I presunti assassini abitano qui. Sulla porta, il ritratto di Rommel, il rottweiler di casa: "Questa casa la proteggo io", dice il cartello. Dietro, in casa, c'è lui, Rommel: ottanta chili, mansueto, pronto a leccare la mano degli sconosciuti. E c'è Liliana, la madre dei Morbi. Alle cinque del mattino è arrivata la Digos e ha portato via tutti i maschi di casa: il padre Giorgio, che lavora all'aeroporto, il figlio maggiore Federico, artigiano del cuoio, e quello più piccolo, che ha appena 17 anni. Ma mamma Liliana ancora non si arrende l'evidenza, "loro non c'entrano niente, tra un po' vedrete che me li rimandano a casa". ... Ma l'aggressione premeditata lo è stata. Anzi, addirittura annunciata. Da una settimana, dalla notte in cui Federico era tornato a casa pesto e dolorante per le botte ricevute. "Era sceso a portare il cane a spasso, lo avevano sentito che lo chiamava Rommel. E allora? Noi il nostro cane abbiamo il diritto di chiamarlo come ci pare. E poi ai giardini qui sotto, di nomi se ne sentono ben di peggio: c'è un cane che si chiama Dux, uno che si chiama Adolf... Insomma, non sono stati neanche a sentirlo. Lo hanno rovinato di botte. Lui la mattina dopo è andato in commissariato e li ha denunciati". Nella denuncia, Federico Morbi raccontava di essere stato aggredito da quindici giovani armati di coltelli e tirapugni. "Gente del "Conchetta"", li indicava, l'altro centro sociale "rosso" del Ticinese. ... Poteva finire lì, come in tanti altri casi. E invece Federico ha giurato di vendicarsi. E da quella sera girava alla caccia di quelli che lo avevano spedito all'ospedale. Fino a domenica notte, quando si è convinto di averli trovati. Con lui, il fratello piccolo. Il padre, a fare da spalla. In tasca Federico e il fratello hanno un coltello a testa. Ed è il macello. "Non hanno fatto niente", ripete mamma Liliana. "Sono scesi solo a portare giù il cane, perché io avevo il raffreddore. Quando sono tornati a casa io ero già a letto. Stamattina, quando la Digos ci ha svegliati, me l'hanno detto: sai, mamma, ieri sera abbiamo incontrato di nuovo quelli dell'altra volta..."

    • P.s.: Non è l'articolo completo ma un "estratto", per approfondire basta fare qualche veloce ricerca sul Web ;-)

      • Ciao Cesare condivido in pieno il senso, anche il mio post era per evidenziare che le menti malate albergano ovunque e che trovo ridicolo sempre puntare il dito come se le verità siano solo a senso unico.

        • la verità È una sola. si sono regolati due balordi che di politica c'entrano ben poco. Davide da ragazzino tifava tutt'altro. se uno si tatua una svastica non è un nazista, è un idiota e basta. si è creato un personaggio che non esiste, tutto qua. l'abito non fa il monaco, è questa la verità

    • È un articolo tratto dal sito Reppubblica .it, datato 18 marzo 2003. Lo condivido NON per giusti******re quello che è successo, ma perché forse rende l'idea delle circostanze a cui si arriva per un modo totalmente errato di "dimostrare" le proprie convinzioni, giuste o sbagliate che siano. Da un'azione stupida e vigliacca ne è scaturita un'altra stupida e tragica... In questo caso partita da quella che molti giovani e non ritengono "sinistra" a quella che altrettanti ritengono "destra"... Così cone in passato è avvenuto all'inverso... E avanti così dal dopoguerra ad oggi...

  • Zecche

  • Il 13 marzo 1975 Ramelli stava ritornando a casa, in via Amadeo a Milano; parcheggiato il suo motorino poco distante, in via Paladini,[5] si incamminò verso casa. All'altezza del civico 15 di detta via Paladini Ramelli fu assalito da un gruppo di persone armate di chiavi inglesi,[6] e colpito ripetutamente al capo; a seguito dei colpi ricevuti perse i sensi e fu lasciato esangue al suolo. Il 28 aprile, un giorno prima che Ramelli morisse, un gruppetto staccatosi da un corteo della sinistra si recò presso la casa della famiglia Ramelli, dove fece delle scritte sui muri e affisse un manifesto in cui si minacciava il fratello Luigi Ramelli di morte se non fosse sparito entro 48 ore[12].I funerali ebbero luogo nella Chiesa dei Santi Nereo e Achilleo. Il feretro di Sergio arrivò in chiesa quasi di nascosto perché le autorità locali avevano vietato il corteo funebre e gli estremisti di sinistra avevano minacciato di usare delle chiavi inglesi contro eventuali partecipanti.

    • Dimenticavo che anche Wikipedia è di destra......

  • Leggere ancora nel 2019 "fascisti", "comunisti", "antifascisti", fa capire come siamo messi. Sembra un tema delle scuole medie! Evolviamoci un pò, intanto che dedichiamo i murales e discutiamo di robe di 70 anni fa, la società va avanti, per fortuna!

  • Milano antifascista!!!!

  • per un fascista chiaro che è come fumo negli occhi, brucia.

  • Ci sono alcuni writers che sono dei veri artisti, che davvero abbelliscono la città (come alcuni murales in zona San Siro piuttosto che alle Colonne di San Lorenzo), e la Darsena (punto centrale della movida meneghina) deve essere deturpata da uno scarabocchio a mio parere brutto, che “deve” avere il placet della cittadinanza solo perché in memoria di un militante di sinistra (che poi il fatto che risiedesse il via Gola fa già intuire tanto...)? Senza voler offendere la memoria di un ragazzo di cui francamente so poco o nulla, senza voler dileggiare la “memoria antifascista”, mi chiedo: ma tutti questi buonisti della domenica che oltraggiano chiunque non la pensi come loro, hanno un seppur vago ricordo dei gulag, hanno mai sentito parlare del regime di Fidel Castro, sanno cos’è il regime comunista cinese? Tornando però al tema principale: non credo si possa accettare la politicizzazione (che sia di destra o di sinistra non importa) di un luogo che dovrebbe e vorrebbe essere di aggregazione (e “aggregazione” non è un lemma appannaggio dei “comunisti”).

    • tu sei una di quelle persone che sarebbe dovuta finire nei gulag dato che ne parlate tanto

    • Lei lo vede come uno scarabocchio? Mi dispiace, ognuno ha i propri limiti! Mi spiace solo che stia commentando senza conoscere la storia di dax, senza, probabilmente, aver visto il murales (questo e tutti i precedenti) senza aver chiaro il signi******to del termine buonista, anche perché davvero, se lo conoscesse non lo indirizzerebbe a questo tipo di realtà! Quindi commenta giusto per farlo, sperando che qualcuno abbocchi alla retorica del "quanto hanno fatto male i Comunisti". Ma si, ormai questo è il livello, giusto?

    • Condivido il tuo pensiero... Ovviamente non essere "in linea" con iniziative simili ci rende intolleranti, filo-nazisti eccetera eccetera, perché stranamente pensarla in modo diverso o non condividere un'azione (anche se il parere viene espresso in modo civile, ragionato ed educato come hai fatto tu) messa in atto da chi parla di "libertà di pensiero" -condannando di fatto chi questa libertà la mette in pratica- ormai ci rende "cattivi" a prescindere... Gli estremismi da un lato e dall'altro portano ad azioni sconsiderate e deprecabili...

    • I agree.

    • Concordo al 100%

  • Beh, considerando che iniziarono Davide e i suoi compagni ad aggredire i militanti di destra, e che questi ultimi agirono in risposta, la figura di questo ragazzo perde molta della sua innocenza...

    • Veramente Davide e i suoi compagni vennero colpiti alle spalle all'uscita di un locale, gli aggressori li stavano aspettando al solo scopo di aggredirli, e da buoni fascisti quali sono, lo fecero alle spalle, appunto. Se poi lei ritiene consono ammazzare a pugnalate la gente, sgozzarla, per vendicarsi di precedenti screzi (dettati dalle palesi posizioni politiche diametralmente opposte), beh allora si, ha ragione, Davide non era innocente, Davide era colpevole di lottare contro quelli che sollecitano il degrado culturale, contro quelli che vogliono allontanare certe realtà per garantirsi una piazza sicura, contro un'assurda logica che vuole le case popolari vuote per poterle vendere dopo un tot di anni, impedendo di fatto l'assegnazione. Davide lottava, era presente aul territorio, dava fastidio e per questo l'hanno ammazzato. Lei ne giusti****** l'omicidio? Signi****** che continua ancora oggi a dare fastidio e sono certo che questo lo farebbe sbellicare dalle risate!

      • Nessun eroe, solo delinquenza travestita da ideali politici

        • Prima di parlare informati su tutto ciò che Davide ha fatto ignorante

      • bravo

    • cazzata era da solo aggredito alle spalle da due CONIGLI fascisti

  • Avatar anonimo di Riki
    Riki

    Bellissimi grande Milano antifascista ❤️

    • bravo,i commenti sotto sono di fascisti di mer da

      • Iniziamo a distinguere che la mer da sei tu, e come vedi in buona compagnia

    • Ridicolo PDiota

    • Io ti metterei a pulire da solo tutto, altro che antifascista! Voi siete Milano pro criminali e nullafacenti

    • Bellissimi deficienti vorrai dire! Sono lo schifo di Milano...

      • concordo

  • Ma per favore...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Padova, arrestato un pusher ogni 11 ore: sequestrati chili di marijuana, cocaina e fumo

  • Cronaca

    Inseguita in auto e terrorizzata dall'ex, aveva un litro di acido nel baule: arrestato stalker

  • Cronaca

    Ragazza partorisce fuori dal boschetto della droga di Rogoredo: ricoverati lei e il bambino

  • Sport

    Napoli-Inter, striscione contro Belardinelli: "A terra c'è una mer... di Varese"

I più letti della settimana

  • Milano, aggredisce i poliziotti con un coltello: "Vi sgozzo, paese di me...", 23enne arrestato

  • Incidente in A8, Suv tampona camion e si ribalta: morti due ragazzi, altri due feriti. Foto

  • Alba di sangue a Milano, ragazzo accoltellato al culmine di una rissa fuori dalla discoteca

  • Volo Alitalia Milano-New York riatterra dopo pochi minuti a Malpensa

  • Sciopero generale dei mezzi: a Milano venerdì rischio stop a metro, tram, autobus Atm e treni

  • Metro ferma a Milano, stop ai treni della M2: "Problema alla rete", caos autobus sostitutivi

Torna su
MilanoToday è in caricamento