Crollo discoteca, identificato ragazzino che avrebbe usato spray secondo le testimonianze

Le forze dell'ordine sarebbero arrivate a un punto di svolta nelle indagini. I concerti del trapper Sfera Ebbasta già "colpiti" diverse volte dal gas urticante

La tragedia

Crollo discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo, svolta nelle indagini. Sarebbe stato individuato ed identificato, infatti, il minorenne che secondo molto testimonianze avrebbe spruzzato uno spray urticante all'interno del ballabile al momento del dj set del trapper milanese Sfera Ebbasta, provocando il panico che ha poi portato alla morte di sei persone, con altre sette in gravissime condizioni.

Secondo quanto si apprende, il ragazzino - che è residente nella provincia - è stato identificato sulla base delle testimonianze e non sarebbe stato ancora sentito dalla Procura dei Minorenni. Ma la sua posizione è al vaglio e ancora nulla di certo è trapelato dalle indagini.

Subito dopo la tragedia si era parlato di una persona, incappucciata, che sarebbe salita su un cubo e avrebbe spruzzato una sostanza che aveva reso l'aria irrespirabile. Sulle chat tra i ragazzi in discoteca era anche circolata una foto la cui autenticità, però, non si era potuta confermare. Intanto le indagini proseguono anche per accertare se le misure di sicurezza fossero state rispettate.

I concerti del trapper già "colpiti" dallo spray al peperoncino

Non è la prima volta che uno spray urticante viene usato ai concerti di Sfera Ebbasta e i concerti del trapper non sono nemmeno gli unici teatri di episodi analoghi, come riporta AnconaToday. Casi simili, che fortunatamente non sono finiti in tragedia come invece accaduto la notte scorsa a Corinaldo, si sono verificati durante serate di Achille Lauro, Ghali, Marracash e in un caso anche a un concerto di Elisa. Una delle ipotesi è che ci siano una o più persone che si dedicano a frequentare concerti e a utilizzare spray urticanti per seminare il panico e approfittare in qualche modo di questa situazione, l'altra è che questa stia invece diventando una moda ai concerti rap e che a utilizzare gli spray siano 'lupi solitari’. Sono almeno quattro, oltre quello di Corinaldo, i casi di uso di spray alle serate di Sfera Ebbasta.

Nel 2017 si registra un episodio a gennaio al Mamamia di Senigallia. Poi ci sono due casi con il trapper milanese nel mirino: a Rimini e a Modena, durante la festa Pd di Ponte Alto. Infine appena tre mesi fa è la volta di Cuneo, durante il concerto alla Mondovicino Arena. Attimi di panico e un giovane in ospedale è il bilancio della serata e il concerto viene sospeso proprio perché qualcuno ha usato spray urticante.

Il fratello di una delle ragazze ferite la notte scorsa ha avanzato l'ipotesi che a utilizzare le bombolette al peperoncino sia stato qualcuno che vuole fare un dispetto al Trap King ma appena un mese fa,il 7 novembre scorso, lo spray è stato usato anche durante un concerto di Achille Lauro all'Alcatraz di Milano. In quell'occasione l'uso dell'urticante causa la fuga di un centinaio di persone, che si riversano all'esterno del locale usando le uscite di sicurezza e non ci sono ripercussioni. Altri due casi si registrano nel 2017 ai concerti di Marracash: uno a luglio al Carroponte di Milano e uno al Teatro della Concordia di Torino.

L'8 settembre 2017 è la volta di Ghali: mentre il trapper di origini tunisine si sta esibendo al festival Wake Up di Mondovì, verso la fine della serata, qualcuno spara lo spray sulla folla, alcune persone vengono soccorse per problemi respiratori, una persona viene portata al pronto soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'agenzia: "Il cantante non era ancora arrivato"

Intanto l’agenzia di booking e management di Sfera Ebbasta Thaurus Live,  esprime profondo dolore e vicinanza alle famiglie delle vittime e dei feriti e conferma l'appuntamento che ci sarebbe dovuto essere nell’anconetano perché, in una nota, fa sapere come venerdì, “l’arrivo dell'artista era previsto in tarda serata essendo coinvolto per un dj set e non un concerto ed ha appreso la notizia della tragedia telefonicamente, prima ancora di arrivare al locale. Tutte le esibizioni degli artisti Thaurus Live previste per questa sera sono rimandate a data da destinarsi. I prossimi impegni promozionali di Sfera Ebbasta sono cancellati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento