Daniele Belardinelli, l'ultrà di Varese morto investito negli scontri prima di Inter-Napoli

Ecco chi è l'uomo morto mercoledì sera durante gli scontri fuori da San Siro prima della gara

Gli scontri e la vittima

Trentacinque anni, padre di due figli. Varesotto di nascita e di fede calcistica. Ultrà per vocazione, lottatore per passione e con un lavoro in un'azienda edile. È questo il profilo di Daniele Dede Belardinelli, il 35enne residente a Buguggiate - Varese - morto mercoledì sera dopo essere stato investito in via Novara durante gli scontri tra tifosi di Inter e Napoli

Cardona: "Chiederò la chiusura della curva dell'Inter" | Video

"Dede", stando a quanto finora ricostruito dalla Questura di Milano, era stato travolto da un Suv - poi fuggito - ed era stato trasportato dai suoi stessi amici in condizioni critiche al San Carlo di Milano, dove all'alba è stato dichiarato il decesso. 

Scontri prima di Inter-Napoli, un morto | Video

Il dramma era avvenuto all'angolo tra via Fratelli Zoia e via Novara. Lì circa cento tifosi nerazzurri - armati accompagnati dai gemellati di Nizza e di Varese, tra cui sembra ci fosse Belardinelli - avevano teso un agguato agli ultras del Napoli, arrivati allo stadio senza scorta e a bordo di minivan. Ne era nato uno scontro violento, con lancio di bottiglie e fumogeni - un tifoso del Napoli accoltellato e altri tre feriti - e un fuggi fuggi generale. Proprio durante la fuga, il 35enne era stato travolto dal Suv, il cui conducente - ha sottolineato il Questore, Marcello Cardona - potrebbe anche non essersi accorto di nulla. 

Il nuovo video amatoriale degli scontri a Milano

Capo dei Blood and Honour di Varese - il gruppo guida della curva biancorossa, con chiare simpatie di estrema destra -, Belardinelli era molto rispettato anche dalla Curva Nord nerazzurra, a cui i varesotti sono legati da un gemellaggio storico. Nel 2012, il 35enne era stato "Daspato" per cinque anni dopo un'amichevole tra Como e Inter che le due tifoserie avevano trasformato in guerriglia urbana. 

"Dede" era anche un appassionato di Mma, le arti marziali miste, e negli anni scorsi aveva più volte guadagnato medaglie e trofei durante i combattimenti di "scherma corta". 

Arrestati tre ultras dell'Inter

Tra la notte di mercoledì e la mattina di giovedì tre ultras della Curva Nord dell'Inter sono stati arrestati dalla Digos perché presenti all'agguato contro i rivali partenopei: i tre devono rispondere, per ora, dei reati di rissa e lesioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti hanno anche eseguito dieci perquisizioni, tra cui quattro a casa di ultras interisti e tre nelle abitazioni di tifosi del Varese, e non escludono di effettuare altri fermi nelle prossime ore. Nella serata del 27 si è poi saputo che gli indagati sono al momento nove, compresi i tre arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento