Darsena zeppa di rifiuti e alghe: il triste spettacolo dell'inciviltà

Parte dell'acqua del «Porto di Milano» è ricoperto da bottiglie di plastica, vetro e sacchetti. Il Comune, insieme al Consorzio di Bonifica, sta cercando di tamponare la situazione; ma contro l'inciviltà si può fare poco

La situazione in Darsena (foto MilanoToday)

Una parte della Darsena di Milano si è trasformata in questi giorni in una distesa colma di rifiuti. Nello specchio d'acqua a ridosso di piazzale Antonio Cantore, infatti, fanno capolino bottiglie di plastica, vetro e sacchetti, oltre a uno spesso strato composto da alghe e mucillaggine. 

Turisti e residenti passano, gettano uno sguardo e lanciano commenti amari. Una situazione anomala che - almeno in queste proporzioni - non si era mai verificata prima. Circostanza probabilmente causata anche dall'abbassamento del livello dell'acqua, dato che dal 12 settembre il Consorzio Est Ticino-Villoresi (ente che regola i Navigli) ha chiuso i rubinetti del Naviglio per la consueta asciutta invernale.

«Quotidianamente il porto viene pulito da alghe e oggetti in galleggiamento — precisano da Palazzo Marino —. Con diversa periodicità gli altri interventi, come il taglio delle erbe acquatiche trascinate dalla corrente e raccolte dalle griglie». La pulizia completa del fondale, invece, viene eseguita una volta l'anno: quando la Darsena è in secca.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Esplosione nella fabbrica di cannabis light: fiamme alte 10 metri, feriti padre e due figli

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • Incidente sull'A4, camion ribaltato in mezzo alla carreggiata: sei chilometri di coda

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

Torna su
MilanoToday è in caricamento