Disastro ferroviario di Pioltello, 165 persone da ascoltare in procura. Il binario verrà tagliato

Prosegue l'indagine sul disastro ferroviario alle porte di Milano costato la vita a tre donne

Il treno distrutto (foto Vvf)

Sono 165 le persone che verranno ascoltate dalla procura di Milano per cercare di ricostruire quello che è avvenuto un minuto dopo le 7 di giovedì 25 gennaio a Pioltello, dove un convoglio Trenord è deragliato uccidendo tre donne e ferendo altre 48 persone. Un centinaio di passeggeri ha risposto all'appello esposto dalla Polfer tra le stazioni di Cremona e Treviglio: loro saranno chiamati a rispondere a un questionario standard. Le altre persone che saranno ascoltate dai magistrati sono soccorritori, tecnici della ferrovia, operai e abitanti della zona.

L'inchiesta va avanti senza sosta. Nella giornata di giovedì 1° febbraio si sono svolte le autopsie sulle salme delle tre vittime, disposte dai pm  Maura Ripamonti e Leonardo Lesti, che stanno lavorando coordinati con il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano. Dai primi accertamenti sembra che le tre vittime — Giuseppina Pirri, 39 anni, Pierangela Tadini, 50 anni, Ida Milanesi, 61 anni siano decedute quasi immediatamente dopo la violenta sbandata del vagone su cui viaggiavano: il primo a uscire dai binari.

Nel mirino di pm e forze dell'ordine continua a esserci soprattutto la "zeppa" di legno che è stata trovata proprio sotto il pezzo di binario che ha ceduto al passaggio del treno e che doveva essere sostituito a breve. Rfi - in una nota ufficiale - aveva evidenziato che l'utilizzo "di spessori in legno non è previsto dalle normative tecniche e dai protocolli operativi di Rete Ferroviaria Italiana", come a voler lasciare intendere che si sia trattato di un gesto "spontaneo" di un operaio. E nella mattinata di venerdì i tecnici nominati dalla procura e quelli indicati dalle difese svolgeranno gli “accertamenti irripetibili”: in particolare sarà analizzato il rattoppo tra i due binari sostenuto con la “zeppa” di legno. Proprio in quel punto — è l’ipotesi più accreditata — si sarebbe innescato l’incidente. Successivamente il binario sarà tagliato per essere stivato in un hangar e la stessa sorte potrebbero subirla i vagoni deragliati. La prossima settimana il traffico sulla rotta Cremona Milano potrebbe tornare alla normalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Dramma allo studentato del Politecnico di Milano: morta Federica, ricercatrice 27enne

  • Milano, ragazza di 27 anni trovata morta in una residenza universitaria del Politecnico

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

Torna su
MilanoToday è in caricamento