Crisi, dipendente Equitalia tenta suicidio: "Stanco degli insulti"

Provvidenziale la chiamata della madre: i soccorsi lo hanno salvato

Dramma sfiorato per un dipendente Equitalia

Stanco di avere a che fare con persone in crisi economica e sempre pronte a insultarlo, tornato a casa, litiga con la madre e minaccia di suicidarsi. Protagonista un 38enne impiegato presso Equitalia a Milano. Solo l'intervento della polizia ha fatto desistere l'uomo dagli intenti suicidi.

È accaduto martedì sera, intorno alle otto e mezza, in via Verga.

A chiamare i soccorsi la madre convivente dell'uomo. La donna ha raccontato agli agenti che il figlio si era asserragliato in casa e aveva iniziato a bere disperatamente. Gli agenti hanno convinto l'uomo ad aprire.

Trasferito al Fatebenefratelli, il 38enne è stato visitato dai medici che hanno certificato che, oltre all'alcol, non aveva ancora ingerito nessuna sostanza e, almeno fisicamente, stava bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

Torna su
MilanoToday è in caricamento