Operai costretti a lavorare circondati da agenti chimici e senza protezione: ditta sequestrata

Alla Metal Drum Srl c'erano anche fusti e pallets accatastati in modo pericoloso. I fatti

I carabinieri in azione

Operai che lavorano in un ambiente con agenti chimici e sostanze infiammabili e in assenza del documento di valutazione dei rischi. Postazioni operative con materiali accatastati in maniera pericolosa: fusti e pallets fino ad altezze di 3 metri non idoneamente difesi contro la caduta. Assenza di manutenzione tecnica dei luoghi di lavoro e impianti e condotte di aspirazione nella cabina di verniciatura malfunzionanti. La Metal Drum Srl era un disastro.

Per questo nella mattinata di mercoledì i militari del comando Stazione dei carabinieri forestale di Garbagnate Milanese - con il personale Arpa Lombardia, ATS e vigili del fuoco - ha dato esecuzione al sequestro preventivo della ditta con sede operativa in San Vittore Olona. La misura è stata disposta dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Busto Arsizio su richiesta della Procura della Repubblica.

Il sequestro preventivo della ditta

Il sequestro preventivo della ditta, che si occupa di “bonifica, rigenerazione e pulizia di fusti metallici e cisterne” contenenti residui di solventi e resine anche infiammabili è stato disposto dalla Autorità Giudiziaria a seguito delle risultanze di una serie di accessi ispettivi effettuati nel mesi scorsi dai vari organi di controllo (ATS, ARPA VVFF) e dai carabinieri forestali, dai quali sono emerse numerose violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, di tutela della salute, della normativa antincendio e della gestione dei rifiuti anche pericolosi.

Gli accertamenti hanno rivelato che all'interno dell'azienda gli operai lavoravano in un ambiente ove erano presenti agenti chimici e sostanze infiammabili, in assenza del documento di valutazione dei rischi; le postazioni operative non erano idoneamente difese contro la caduta o l'investimento di materiali, in alcune aree erano accatastati in maniera pericolosa fusti e pallets fino ad altezze di 3 metri. E' risultata assente la manutenzione tecnica dei luoghi di lavoro e degli impianti ed è stato riscontrato il mancato funzionamento delle condotte di aspirazione nella cabina di verniciatura.

Non venivano nemmeno rispettate le prescrizione inerenti la gestione dei rifiuti liquidi pericolosi e delle emissioni. E c'erano difformità relative alla prevenzione incendi in virtù della pericolosità dei liquidi (vernici e solventi) utilizzati. Il sequestro preventivo, attraverso l'intervento degli organi coinvolti, è destinato alla messa in sicurezza del sito.

Potrebbe interessarti

  • Buono, fresco, colorato: ecco dove mangiare dell'ottimo poke a Milano

  • Come pulire le porte di casa

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come lavare i cuscini del divano

I più letti della settimana

  • Trovato morto Stefano Marinoni, il 22enne di Baranzate scomparso dal 4 luglio: la tragedia

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Sciopero di metro, bus e tram Atm: ecco gli orari dei mezzi per giovedì 11 luglio a Milano

  • Il "più grande mall mai realizzato": 100mila mq e 160 negozi nel nuovo centro commerciale

  • Rapina in banca a Milano: clienti e dipendenti sequestrati, due banditi in fuga con i soldi

  • Incendio a Segrate, fiamme nell'officina del rottamaio: enorme nuvola di fumo nero

Torna su
MilanoToday è in caricamento