Milano, ospite del centro accoglienza di via Padova beccato con mezzo chilo di hashish

La prefettura ha avviato il procedimento volto alla revoca dell'accoglienza. I dettagli

Repertorio

Ha perso un'occasione. Era ospite del Centro accoglienza straordinaria di via Padova ma è stato beccato con mezzo di hashish ed è finito in manette. 

Protagonista un giovane della Guinea di 21 anni.  E' accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L'attività investigativa, articolatasi in diversi servizi di osservazione e pedinamento dell'arrestato, è stata condotta dai poliziotti del Commissariato Lambrate.

Gli agenti, dopo aver fermato il ragazzo, hanno anche perquisito il Cas, dove il giovane, regolare sul territorio, era ospite. Al 21enne, già con precedenti specifici, sono stati trovati quasi 500 grammi di hashish, suddiviso e confezionato in piccole dosi pronte allo spaccio. Aveva anche un taglierino e 65 euro in banconote di piccolo taglio.

La Prefettura, allertata, ha avviato d’intesa con la Questura, il procedimento volto alla revoca dell’accoglienza.

La droga trovata al pusher

Dosi di hashish trovate al Cas di via Padova-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento