Drogarono una ragazza e la stuprarono in un appartamento: tre condannati

L'episodio nel 2017, da un locale di via Crema a Milano a un appartamento a Bellusco in Brianza

Un frame del video di sorveglianza

Nel mese di aprile del 2017 avrebbero drogato una 22enne utilizzando la "droga dello stupro", il benziodazepine, e poi avrebbero abusato di lei in un appartamento nella disponibilità di uno di loro: ora sono stati condannati i tre uomini di 49, 29 e 22 anni considerati responsabili dell'episodio. 

Due di loro sono stati condannati a 12 anni di carcere e uno a 8 anni e 6 mesi. La sentenza (di pirmo grado) è stata emessa il 23 luglio al termine del dibattimento. Il Tribunale ha riconosciuto l'aggravante dell'uso della droga. Il pm milanese Gianluca Prisco aveva chiesto condanne da 10 a 14 anni di carcere, senza attenuanti generiche e applicando la violenza sessuale di gruppo, che è stata riconosciuta dai giudicanti.

Le immagini di sorveglianza del locale di via Crema in cui la ragazza di 22 anni ha trascorso la serata con un amico e due amici di lui testimonierebbero che uno degli uomini avesse mischiato la "droga dello stupro" nel bicchiere della giovane senza che lei se ne accorgesse.

Poi lo stupro di gruppo nell'appartamento di Bellusco (Monza-Brianza) in cui vive uno del trio. I ragazzi sono stati poi arrestati tra dicembre del 2017 (due di loro) e gennaio 2018 (il terzo). Fondamentale per individuare i responsabili il dna trovato sui vestiti della 22enne. I tre, comunque, si sono dichiarati innocenti smentendo di avere versato una sostanza stupefacente nel drink della ragazza e di avere abusato di lei, ammettendo soltanto di avere dormito tutti insieme nell'appartamento di Bellusco.

L'imputato condannato a 8 anni e 6 mesi, quindi quello con la pena minore, ha gridato "sono innocente" subito dopo la lettura del verdetto in aula. E' invece scoppiato in lacrime il proprietario dell'appartamento di Bellusco nel quale si è consumata, secondo le indagini, la violenza di gruppo sulla 22enne. Fuori dall'aula una donna (familiare di uno dei condannati) ha invece colpito una videocamera di un operatore della Rai.

I tre uomini sono stati condannati anche a pagare una provvisionale di 75 mila euro a favore della vittima. Già annunciato il ricorso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Esplosione nella fabbrica di cannabis light: fiamme alte 10 metri, feriti padre e due figli

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • Incidente sull'A4, camion ribaltato in mezzo alla carreggiata: sei chilometri di coda

  • Milano, ragazza incinta accoltellata alla gola: l'aggressore era appena uscito di prigione

  • Jova beach party a Linate, come raggiungere il concerto: treni speciali e tutte le strade chiuse

Torna su
MilanoToday è in caricamento