Elastici cancerogeni: sequestrati 20 milioni di pezzi

L'intervento della polizia locale

Alcuni elastici sequestrati

Venti milioni di elastici colorati sono stati sequestrati dalla polizia locale a Milano. Si tratta di elastici comunemente usati dai bambini per i braccialetti "fai da te". Tre donne cinesi - titolari di attività di vendita all'ingrosso - sono state denunciate. La polizia locale è intervenuta in seguito ad alcune segnalazioni di privati cittadini, indagando dapprima presso le bancarelle dei mercati. Le confezioni di vendita erano prive del marchio "CE" e delle indicazioni sul materiale utilizzato.

Materiale che veniva importato dalla Cina, illegalmente, per poi essere assemblato in confezioni e venduto al dettaglio. Cinque i depositi - tutti in via Giordano Bruno, zona Paolo Sarpi - in cui è stata rinvenuta la merce, del valore di circa tre milioni di euro. Le tre cinesi denunciate sono la 46enne H.X. e le 41enni Y.H. e F.X., multate di 40 mila euro.

ELASTICI CANCEROGENI - L'Assay Office di Birmingham, che in passato ha analizzato questo tipo di elastici, ha stabilito che contengono ftalati (sostanza chimica simile al benzene) in percentuale del 45,5% contro un limite di legge dello 0,1%. Indossare questi braccialetti può provocare una reazione chimica cancerogena tra materiale e sudore della pelle. Occorre prestare molta attenzione e non fidarsi di prodotti che costano troppo poco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 90 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

Torna su
MilanoToday è in caricamento