Espulso dall'Italia rientra ma viene arrestato per 'reingresso illegale nel territorio nazionale'

E' successo nel Milanese ad un 21enne albanese, senza fissa dimora e con precedenti

Repertorio

E' stato arrestato per “reingresso illegale nel territorio nazionale” e espulso di nuovo. E' successo ad un 21enne albanese, senza fissa dimora e con precedenti penali. L'uomo è stato fermato dai carabinieri nella serata di lunedì, a Vignate (Mi).

I militari della Stazione di Melzo, nel corso di un normale servizio, hanno sottoposto a controllo il 21enne, in compagnia di un connazionale, e hanno accertato che lo straniero, a causa dei propri precedenti di polizia, era stato già espulso dall’Italia il 28 maggio 2016 con accompagnamento alla frontiera a seguito della notifica del decreto di espulsione emesso dalla Prefettura di Milano, con divieto di reingresso per 5 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 21enne è stato giudicato martedì mattina “per direttissima”, venendo al termine accompagnato negli uffici della Questura di Milano per una nuova espulsione come misura alternativa alla detenzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • "Ci avete salvato dal mare e Milano ci ha accolto": la comunità etiope dona cibo per l'emergenza

  • Con febbre e sintomatica, donna prende due aerei da Milano fino al Ragusano

Torna su
MilanoToday è in caricamento