Expo, i conti preliminari del 2015 sono in rosso: perdita di 32 milioni

"Ma si tratta solo di un anno: degli 1,2 miliardi abbondanti stanziati per la costruzione del sito e la realizzazione dell'evento, si sono avanzati 14,2 milioni", spiegano Sala e i soci

Sala

Il bilancio 2015 dell'Expo si chiude con una perdita di 32,6 milioni.

Un risultato - saldo tra i 736 milioni di ricavi e i 721 di costi gestionali, cui si aggiungono ammortamenti e accantonamenti a copertura dei rischi - che pare destinato a rinfocolare le polemiche sul consuntivo del grande evento milanese del 2015.

In realtà, il bilancio di un solo anno, e per di più l'anno in cui si è svolto l'evento, è scarsamente significativo: nel 2015, infatti, si è concentrato il grosso dei costi per la gestione del sito espositivo e dell'intera manifestazione.

Per valutare l'andamento economico dell'Expo - come ha più volte sottolineato il commissario, oggi candidato sindaco del centrosinistra, Giuseppe Sala, e come sottolinea anche il documento di preconsuntivo redatto dall'assemblea dei soci dello scorso 9 febbraio -, è il saldo del patrimonio netto "da tenere in conto", positivo per poco più di 14 milioni. Insomma, degli 1,2 miliardi abbondanti stanziati per la costruzione del sito e la realizzazione dell'evento, si sono avanzati 14,2 milioni, un risultato "che appare rilevante in quanto le previsioni economiche miravano al complessivo pareggio al termine dell'evento".

Nella relazione si sottolinea che il margine operativo lordo ammonta a 14,9 milioni di euro e che il risultato è stato realizzato nonostante alcuni 'eventi' negativi rappresentati dai mancati contributi della Camera di Commercio di Milano (58,6 milioni) e della Provincia di Milano (7,4 milioni) e del mancato rimborso di alcuni costi come i 14,1 milioni spesi per l'innalzamento del livello di sicurezza del sito. In tutto, sottolinea la relazione, sono mancati "102,2 milioni che, se considerati, potrebbero migliorare i risultati della società".

Puntuali le polemiche: "Leggo con neanche tanto stupore che la società che ha gestito Expo ha chiuso il 2015 con un rosso di 32,6 milioni di euro, le disponibilità liquide si sono esaurite, ma non le spese ed entro il mese prossimo si avranno perdite superiori a un terzo del capitale - ha detto la candidata sindaco del Movimento Cinque Stelle Patrizia Bedori - Tra l'altro siamo ancora in attesa di sapere gli ingressi effettivi della manifestazione: chiediamo a Sala semplicemente trasparenza".

"I dubbi sui conti di Expo erano noti a tutti, era chiaro che prima o poi tutti i nodi sarebbero venuti al pettine", ha commentato il capogruppo di Forza Italia in Comune Pietro Tatarella. "Ho sempre detto che l'unico dato che conta è quello del patrimonio netto", ha replicato Sala a margine dell'incontro con il premier Matteo Renzi al Piccolo per la presentazione del progetto per il dopo-Expo a Rho-Pero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Morto Manuel Frattini a Milano: infarto durante una serata di beneficenza

  • Milano, bimbo di 5 anni precipita a scuola: soccorritori e prof con le lacrime agli occhi

  • Milano, dramma a scuola: bimbo di cinque anni precipita nel vuoto dalle scale, è gravissimo

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

Torna su
MilanoToday è in caricamento