Volantini contro le condizioni lavorative ad Expo: blitz degli attivisti

Per questo motivo una decina di attivisti No Expo del centro sociale Sos Fornace e della rete San Precario sono stati fermati all'ingresso di Expo

Expo

Stavano distribuendo volantini contro le condizioni lavorative delle persone impegnate ad Expo. Per questo motivo una decina di attivisti No Expo del centro sociale Sos Fornace e della rete San Precario sono stati fermati all'ingresso di Expo.

Il contenuti dei foglietti era precisamente: "Lavorare in Expo 2015: stipendi da fame, contratti pirata e licenziamenti politici. Vogliamo ricostruire attraverso un'inchiesta attiva cosa sta accadendo all'interno di Expo 2015 per poi attivare vertenze individuali e collettive che restituiscano ai lavoratori diritti e reddito negati". Le forze dell'ordine hanno cercato di capire se gli attivisti avevano l'autorizzazione per fare volantinaggio e poi sono stati allontanati.

Potrebbe interessarti

  • Buono, fresco, colorato: ecco dove mangiare dell'ottimo poke a Milano

  • Come pulire le porte di casa

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come lavare i cuscini del divano

I più letti della settimana

  • Trovato morto Stefano Marinoni, il 22enne di Baranzate scomparso dal 4 luglio: la tragedia

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Il "più grande mall mai realizzato": 100mila mq e 160 negozi nel nuovo centro commerciale

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Incendio a Segrate, fiamme nell'officina del rottamaio: enorme nuvola di fumo nero

  • Incidente in corso Genova Milano: ferite due ragazze di 18 e 19 anni, tram deviati in centro

Torna su
MilanoToday è in caricamento