Medicinali rubati e rivenduti, il Nas smantella due 'clan' di farmacisti e imprenditori: 11 arresti

Controlli in ben dieci province - Milano, Brescia, Bologna, Napoli, Piacenza, Reggio Emilia, Roma, Firenze, Taranto e Novara - i due gruppi non erano legati tra loro. Le indagini

I farmaci riprodotti

Dopo aver 'agganciato' la persona giusta, un imprenditore già indagato durante l'inchiesta che ha portato al sequestro della farmacia Caiazzo di Milano, i Nas di Milano hanno scoperto un mondo sommerso d'illegalità con giri d'affari milionari e in mano a imprenditori e farmacisti apparentemente insospettabili. 

Il percorso investigativo, coordinato dalla procura di Milano, ha permesso di smantellare due organizzazioni che macinavano soldi rubando e rivendendo i medicinali. Complessivamente, giovedì mattina, sono state arrestate 11 persone. Di queste 5 sono finite in carcere e 6 ai domiciliari con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al furto di farmaci, alla truffa ai danni di privati e Enti pubblici, ricettazione, falsificazione, riciclaggio di specialità medicinali e autoriciclaggio.

Farmaci rubati a Milano e rivenduti nel Bresciano

Ma procediamo con ordine. Le due organizzazioni, non collegate tra loro, agivano in due territori diversi ma con lo stesso fine. La prima - per così dire - agiva nel Milanese. A tenere le redini del sistema, stando a quanto ricostruito dal comandante dei Nas di Milano Salvatore Pignatelli, era una dirigente di un centro incaricato della distribuzione dei farmaci. Lei, con la complicità di un magazziniera, sottraeva plichi di medicinali dal deposito. Poi ci pensava un altro complice, un imprenditore nel settore della distribuzione, a trasportarli verso il Bresciano. 

Video: l'operazione dei Nas di Milano

Tutte le fasi del viaggio delle scatole di medicinali erano certificate con documenti di accompagnamento falsificati. Poi i farmaci veniva ricettati e rivenduti a farmacisti ignari della provenienza furtiva. Un giro d'affari di centinaia di migliaia di euro all'anno.

Padre e figlio - con 4 farmacie tra Napoli e Firenze - a capo della banda

La "seconda" organizzazione emersa nel corso delle indagini aveva come base Napoli, per questo l'operazione dei Nas è stata ribattezzata 'Partenope'. I due personaggi principali - sempre secondo quanto rivelato dai militari del Nas - sono padre e figlio: entrambi farmacisti, di 57 e 31 anni. 

I due - che avrebbero una farmacia a Napoli, una a Ercolano (Na), due a Firenze e un deposito nel Napoletano - con la complicità di altri imprenditori nel settore della distribuzione dei medicinali, grazie al deposito, acquistavano da privati farmaci destinati ai circuiti ospedalieri - che l'Aifa concede con uno sconto dell'ottanta percento rispetto al mercato privato, quindi con un notevole margine - e poi grazie ad una 'zecca' clandestina falsificavano le fustelle dei farmaci, cioè quei talloncini applicati alla scatola del medicinale, per il rimborso del prezzo. 

Le copie erano praticamente perfette tanto che anche durante le perquisizioni dei militari - ne hanno fatto trenta - i farmacisti vittime della truffa faticavano a distinguerli dagli originali. Il giro d'affari della loro attività illecita, stando agli inquirenti, si sarebbe aggirato attorno ai 5 milioni di euro annui.

La conferenza del Nas

Nas-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • Esplosione nella fabbrica di cannabis light: fiamme alte 10 metri, feriti padre e due figli

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

Torna su
MilanoToday è in caricamento