L'amico lo manda via di casa, lui dà un pugno al portone e si recide vena e arteria: è gravissimo

Follia nella notte tra sabato e domenica a Segrate. L'uomo è ricoverato in terapia intensiva

I soccorsi sul posto - © B&V

I residenti del palazzo hanno sentito sbattere il portone con forza, con rabbia. Poi, dopo qualche secondo, hanno udito un rumore di vetri infranti e le disperate richieste d'aiuto. 

Follia nella notte tra sabato e domenica in un condominio di via Amendola a Segrate, dove un uomo di trentasei anni - cittadino romeno, residente a Corsico - è rimasto gravemente ferito dopo aver spaccato la porta d'ingresso del palazzo. 

Stando a quanto appreso, il 36enne aveva trascorso la serata proprio in quel condominio, in compagnia di un amico connazionale. Poco dopo mezzanotte e mezza, la madre del giovane avrebbe chiesto all'ospite di andare via perché troppo ubriaco e perché suo figlio doveva partire per la Romania poche ore dopo. Evidentemente contrariato e arrabbiato, l'uomo ha lasciato l'abitazione dell'amico e uscendo ha tirato con forza dietro di sé il portone. 

Pochi attimo dopo, lui stesso avrebbe sferrato una gomitato alla vetrata, con il braccio che è rimasto incastrato nella porta. Nel tentativo di liberarsi, il 36enne si è reciso l'arteria collaterale e la vena dell'avambraccio destro, perdendo un sacco di sangue. Soccorso dagli equipaggi di un'ambulanza e un'auto medica, è stato portato in codice rosso al San Raffaele, dove è stato immediatamente operato. 

Al momento si trova ricoverato in prognosi riservata, in condizioni gravi. A preoccupare i medici è soprattutto la quantità di sangue persa dall'uomo, che comunque non dovrebbe essere in pericolo di vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento