Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

Il blitz della polizia ha riportato la tranquillità all'intero dell'albergo, lo Sheraton di San Siro

Repertorio

"C'è una coppia di ospiti che sta facendo baldoria - troppa baldoria - in una delle nostre camere. I vicini si sono già lamentati più volte. Potete venire per favore". Deve essere suonata più o meno così la chiamata arrivata alla centrale operativa della polizia dalla hall dell'hotel Sheraton Milan San Siro. 

Festino nell'hotel di lusso

Una richiesta alla quale hanno risposto positivamente gli agenti che una volta intervenuti hanno identificato la coppia: due italiani, lei di 38 anni e lui di sei anni più giovane. E fin qui nulla di eccessivamente strano. Peccato che per 'accendere' i loro festino oltre all'alcol, i due avessero a disposizione diversi grammi tra hashish, cocaina e marijuana. Un mix di droghe che è costato caro al 32enne. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ragazzo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio perché, come hanno spiegato dalla questura, oltre alla droga aveva con sé anche un bilancino di precisione. Il blitz della polizia, arrivato attorno alle 22 di domenica nella struttura di via Caldera, ha riportato la tranquillità all'intero hotel. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento