Fotografava le donne sotto la gonna: il giudice lo assolve

Non è violazione della privacy perché le vittime sono irriconoscibili e ignare

Il tribunale di Milano

Era finito a processo per avere fotografato qualcosa come 5 mila donne sotto la gonna, senza che nessuna di loro se ne accorgesse. Ed è proprio per questo dettaglio, riferisce il Corriere, che il gup di Milano Luigi Gargiulo lo ha assolto, valutando che non si è trattato né di violazione della privacy né di violenza privata.

Le fotografie non sono infatti riconoscibili e le donne in questione non si sono accorte di nulla. Dunque non c'è privacy che tenga, e anche la mancata "percezione di essere state riprese" rende impossibile pensare che sia stata violata la libertà psichica delle donne.

L'uomo - una guardia giurata - era stato scoperto ad agosto 2013 in stazione centrale. Per fotografare le gonne aveva ideato un meccanismo alquanto ingegnoso: una macchina fotografica nascosta in un tubo di cartone. Il gup lo ha comunque condannato (a due anni e dieci mesi) perché in casa gli avevano trovato munizioni detenute illegalmente e immagini pedo-pornografiche.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Omicidio suicidio a Milano: ammazza il fratello a coltellate, poi si impicca al balcone di casa

  • Dramma a Sanremo, turista milanese in vacanza muore annegata mentre fa il bagno

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Temporali di "forte intensità" in arrivo a Milano: scatta l'allerta meteo di codice giallo

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento