Assalto notturno al centro per i migranti: "bombe" e razzi nella struttura. Video

Assalto nella notte tra lunedì e martedì al centro per i rimpatri di Milano. Le immagini

Il blitz di martedì notte

Una scritta sul muro, "Assassini", tracciata con la vernice rossa. E fumogeni e petardi perché "i Cpr bruceranno ancora". Assalto notturno al centro per i rimpatri di via Corelli, l'ex centro d'accoglienza per migranti chiuso a dicembre scorso per essere trasformato proprio in un Cpr. 

Come mostra il video pubblicato da "Milano inMovimento", circa dieci ragazzi - tutti a volto coperto - hanno lanciato razzi dentro la struttura e fatto esplodere petardi per esprimere tutto il loro dissenso verso il centro. 

Video | Il blitz in via Corelli

La manifestazione - hanno spiegato gli stessi antagonisti - è servita "per esprimere un concetto molto semplice: i lager di Stato non devono esistere, i Cpr bruceranno ancora".

Il blitz meneghino è arrivato a meno di ventiquattro ore dall'annuncio della morte di un uomo bengalese di trentadue anni che si trovava nel centro per i rimpatri di Torino. Anche nella città della Mole, in serata, si sono registrate proteste dei centri sociali, con tanto di scontri con la polizia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

Torna su
MilanoToday è in caricamento