Vino, case, macchine: la bella vita dei ladri con l'auto da 250 chilometri orari, cinque arresti

Arrestati cinque uomini, accusati di 23 furti in aziende del Nord Italia. Ecco i loro bottini

I ladri con l'Audi

Da giugno scorso, da quando erano finiti "nel mirino", non hanno lavorato neanche per un giorno. Eppure, in dieci anni in Italia, erano riusciti a comprare macchine - nel loro parco auto c'erano Bmw e Mercedes ultimo modello - e case pagate con un mutuo saldato regolarmente. Quei veicoli e quelle abitazioni, però, hanno accertato gli inquirenti, in realtà li avevano acquistati con soldi che avevano "guadagnato" mettendo a segno furti in mezzo Nord Italia. 

Cinque uomini - quattro cittadini kosovari e un albanese, tutti pregiudicati - sono stati arrestati martedì mattina dai carabinieri della compagnia di Corsico, guidati dal capitano Pasquale Puca, con l'accusa di "associazione per delinquere finalizzata a furti e riciclaggio". In manette, su richiesta del pm di Milano Andrea Fraioli, sono finiti i fratelli Sabadin e Arsim Bytyqi - cinquanta e quarantaquattro anni -, Visar Sopjani, trentatré anni, Emiri Fitim, quarantacinque anni, e Raimond Cela, l'unico albanese, trentenne. 

I cinque - con a capo i due fratelli - sono accusati di aver portato a termine ventitré furti in altrettante aziende tra Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna. 

 Video | I ladri in azione

L'indagine nata da un cittadino "sveglio"

Le luci sulla banda si sono accese a giugno scorso, quando un cittadino di Trezzano aveva segnalato ai carabinieri della stazione la presenza costante di un'Audi Rs3 - una "top car" in grado di raggiungere velocità "folli" - nei pressi di un distributore di benzina di via Leonardo da Vinci. 

Quell'auto, aveva raccontato il testimone, appariva puntualmente alle 22 di ogni sera per poi tornare alle 5 della mattina successiva, svegliando alcuni dei residenti con il rombo del motore. 

I militari hanno così iniziato le indagini e hanno subito accertato che la macchina era stata rubata a dicembre scorso da un concessionario della provincia di Vicenza, così come rubate erano le due targhe che venivano usate sul veicolo. 

I furti e la fuga a 250 km/h

Il distributore, hanno verificato i carabinieri, era il punto d'incontro dei cinque, che quattro giorni a settimana - come se quello fosse un vero e proprio lavoro - arrivavano lì con le loro macchine per poi salire tutti insieme sulla Rs3 soltanto dopo aver lasciato i loro cellulari e i loro effetti personali nelle auto private. 

Una volta a bordo, partiva la caccia all'azienda da svaligiare. I primi colpi si sono concentrati quasi tutti tra la Bergamasca e il Milanese, prima che la banda spostasse il mirino su ditte in Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna. 

Semplicissimo il modus operandi del gruppo: uno restava nell'Audi, mentre gli altri quattro oscuravano le telecamere di sicurezza con lo spray nero, scavalcavano - erano tutti molto atletici -, puntavano alle stanze dei manager, forzavano la cassaforte o la portavano via e poi scappavano. Nella fuga, ma non solo, non si facevano nessun problema a usare tutti i cavalli della "loro" Rs3, tanto che i carabinieri - analizzando il Gps del veicolo - hanno registrato passaggi a 250 chilometri orari anche nei centri dei paesi. 

carabinieri corsico arresti

"Un'altra settantina di colpi"

I colpi che vengono contestati alla banda ufficialmente sono ventitré, con bottini tra i tremila e i trentamila euro a blitz, ma "potenzialmente - la riflessione di uno dei carabinieri che ha indagato su di loro - ce ne sono altri settanta, ottanta in tutto il Nord Italia che potrebbero avere la stessa firma". 

Già quei ventitré furti, però, avevano permesso ai cinque - che vivevano tra Magenta, Cesano, Baggio, Muggiano e Lodi - di garantirsi un tenore di vita altissimo per quelli che, almeno sulla carta, erano nullafacenti. 

Tutti con una famiglia e tutti con figli, i ladri sono infatti proprietari di case e di auto "importanti", anche se nessuno di loro - almeno dal momento dell'avvio dell'indagine - ha mai fatto un giorno di lavoro. 

Mercoledì mattina nelle loro abitazioni i carabinieri hanno trovato un centinaio di penne Montblanc - sicuramente rubate durante i colpi -, migliaia di euro in contanti e soldi di valuta straniera "laccati" in oro, oltre che numerose bottiglie di "Sassicaia" decisamente costose. Decisamente troppo per dei disoccupati. 

Foto - Le banconote d'oro dei ladri

soldi oro targa

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a catena sulla Cassanese: schianto tra sette auto, due feriti gravi

  • Cronaca

    Milano, paura per una ragazza in corso Como: sviene dopo un cocktail di alcol e cocaina

  • San Siro

    Via Abbiati, patto con cittadini e associazioni: ecco il nuovo arredo urbano

  • Vigentino

    Fusti e bidoni abbandonati nei campi, vicino a un'area per l'agricoltura biologica

I più letti della settimana

  • Incendio bus sulla Paullese: autista dirotta e dà fuoco al mezzo: "Voglio vendicare i morti in mare"

  • Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Incidente a Buccinasco, auto pirata investe famiglia e fugge: 4 bimbi travolti, tre sono gravi

  • Meningite, morta Federica: ragazza di 24 anni

  • Ragazzino fermato dalla polizia chiama i genitori, ma loro sono due ricercati: arrestati

  • "C'è una bomba vicino al Duomo": telefonata fa scattare l'allarme, denunciato mitomane

Torna su
MilanoToday è in caricamento