Salone del Mobile, affari d'oro per le ladre: metro prese d'assalto, 'batterie' da 30 sulla M1

Diciassette trovate senza documenti: portate in Questura. Una in manette, due denunciate

Foto repertorio

Alcune di loro avevano fatto quasi seicento chilometri, da Roma a Milano. Altre, invece, erano partite da Baranzate o dalle più vicine via Bolla e via Lorenteggio. E poi si erano ritrovate lì, tutte insieme e tutte organizzate, con uno scopo ben preciso. Il Salone del Mobile fa gola alle borseggiatrici, che dalle prime ore di mercoledì mattina hanno preso d'assalto - letteralmente - le stazioni metropolitane della linea rossa, proprio quella usata dai turisti per arrivare ai padiglioni di Rho Fiera. 

Il primo allarme alla Questura, stando a quanto appreso, è arrivato verso le 8, seguito in rapida successione da altre richieste d'intervento. Praticamente identici i racconti di pendolari e cittadini, che hanno più e più volte segnalato agli agenti la presenza di quaranta o cinquanta donne - tutte nomadi - tra le banchine e i treni della rossa in attesa di "obiettivi" da derubare. 

La rapina alla turista

E il primo colpo è avvenuto poco dopo, alle 9.10, proprio su un convoglio della M1. A farne le spese è stata una donna di trentasei anni, una cinese diretta al Salone, che era salita a bordo a Pagano insieme ad amiche e amici. 

Durante il viaggio, tre giovani si sono avvicinate a lei e hanno iniziato a spingerla mentre una della banda ha infilato le mani nella borsa e le ha preso il portafogli con all'interno mille euro in contanti. La vittima e i suoi compagni di viaggio si sono accorti del borseggio, tanto che sono stati loro stessi a reagire, riuscendo a fermare una delle ladre - quella con il portafogli - sulla banchina di Amendola.

Lì sono intervenuti i poliziotti, che hanno preso la giovane - una 16enne nomade arrestata con l'accusa di rapina -, senza però recuperare i contanti, che evidentemente la ragazzina aveva già affidato a una complice. La stessa derubata, però, ha segnalato agli agenti che tra la folla sull'altra banchina aveva riconosciuto le altre due ladre. 

30 ladre in banchina pronte a colpire

Così ai poliziotti è bastato cambiare lato per fermarle: le due - diciannove e trentuno anni, entrambe incinte - sono state denunciate a piede libero per il reato di rapina in concorso. Loro, però, non sono state le uniche a finire negli uffici di via Fatebenefratelli.

Su quella stessa banchina, in quello stesso momento, gli agenti hanno infatti bloccato in tutto trenta donne - tutte nomadi arrivate da Roma, dal campo di Baranzate e da via Bolla e Lorenteggio, dove si trovano due edifici occupati - e tutte con precedenti per furto. Tra di loro in diciassette, tra cui tredici giovani incinte, erano senza documenti: un "appiglio" che i poliziotti hanno usato per portarle tutte in Questura ed evitare - perché questa era la convinzione degli investigatori - che si dividessero in gruppi da quattro o cinque per entrare in azione e colpire. 

Il tentato furto in serata

Sono stati i carabinieri, invece, a fermare in serata un'altra borseggiatrice. Per lei - una 18enne nomade - le manette sono scattate poco prima delle 21 nella fermata metropolitana della stazione Centrale. 

La giovanissima, insieme a una complice, aveva appena cercato di derubare una turista malese di ventisei anni, di ritorno dal Salone. È stata la stessa vittima ad accorgersi del tentativo di furto, tanto che ha reagito, ha bloccato la ladra e ha allertato la sicurezza di Atm. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri l'hanno poi arrestata con l'accusa di tentato furto in concorso. Sparita nel nulla la "collega". 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Milano, Brumotti di Striscia colpito con una bastonata in testa: ricoverato in ospedale

Torna su
MilanoToday è in caricamento