Milano, due ragazzi gay massacrati di botte dopo la discoteca: “Così ci ha ridotti il branco”

Le vittime dovranno essere operate. Insulti omofobi prima delle botte e della rapina

I due ragazzi picchiati

Michele ha il naso rotto, sbriciolato. A Marcello è andata peggio: dovrà operarsi alla scatola cranica a causa di una frattura scomposta dell’osso frontale. Il branco si è accanito contro di loro con violenza e ferocia, solo perché - stando a quanto si legge nella denuncia - loro hanno la "colpa" di essere omosessuali.  

Non sanno ancora darsi una spiegazione i due ragazzi di diciannove e ventuno anni aggrediti sabato notte in via Montemartini, poco lontano da una nota discoteca milanese in zona Porto di Mare.

Le due vittime e un terzo ragazzo, tutti giovanissimi, avevano trascorso la serata nel locale, dove era in calendario una serata gay. Poi, al momento di noleggiare un’auto per tornare a casa - verso le quattro di notte - l’incontro con gli aggressori, sette o otto coetanei, che non sono comunque riusciti a spegnere il loro sorriso. 

IL RACCONTO DI UNA DELLE VITTIME: "NESSUNO CI HA AIUTATO"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Morto Manuel Frattini a Milano: infarto durante una serata di beneficenza

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Milano, incidente tra un bus e un'auto in via Giordani: una donna in coma e due bimbi feriti

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

  • A Milano inaugura TigellaBella: all you can eat di tigelle e gnocco fritto con salumi e formaggi

Torna su
MilanoToday è in caricamento