"Clandestino uccide tre italiani, pena di morte subito": annullata la condanna a Mirko Rosa

Annullata la condanna a 6 mesi per due commercianti che dopo il 'caso Kabobo' pubblicizzarono così la loro azienda

La pubblicità

Non basta per configurare il reato di propaganda di idee fondate sull'odio razziale un "sentimento di generica antipatia, insofferenza o rifiuto" per ragioni "attinenti alla razza, alla nazionalità", ma ci deve essere "una condotta discriminatoria che si fonda proprio sulla 'qualità personale' del soggetto, e non, invece, sui suoi comportamenti".

Lo si legge nelle motivazioni della sentenza con cui la Cassazione ha annullato, con rinvio ad un nuovo giudizio d'appello, la condanna a 6 mesi per due commercianti che nel 2013, dopo il 'caso Kabobo' a Milano, misero su un loro camion pubblicitario un manifesto con scritto "clandestino uccide tre italiani a picconate-pena di morte subito".

Sul manifesto pure la "riproduzione di una ghigliottina la cui lama gronda sangue e accanto alla stessa l'immagine della testa di un uomo di colore decapitato". La Suprema Corte ha accolto il ricorso dell'avvocato Carlo Sergio Oldani, legale di Mirko Rosa, ex noto titolare di negozi 'compro oro' e del padre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in piazza Oberdan: turista 20enne travolta e uccisa dal tram della linea 9

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Tram travolge un'auto, un taxi e un camion: tamponamento a catena in centro a Milano

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Milano, furto nella casa in centro: colpo grosso dei ladri nell'appartamento di una 23enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento