Alle 'case bianche' il tesoro dei ladri, la coppia con 38 gioielli e 28mila euro: "Sono regali"

I due proprietari di casa, una coppia di rom, sono stati denunciati per ricettazione. La storia

Gioielli e soldi sequestrati

Come quel tesoro fosse arrivato lì non lo hanno saputo spiegare neanche loro. Lei, forse senza neanche essere troppo convinta, ha provato una difesa "estrema" dicendo ai carabinieri che erano semplicemente "regali" ed "eredità". Peccato, però, che quegli stessi carabinieri avevano appena messo le mani su gioielli in oro per un peso totale di seicento grammi e su una miriade di soldi in contanti, esclusivamente in banconote da cinquanta e venti euro. Probabilmente un po' troppo per dei semplici "regali". 

Due fidanzati - trentuno anni lui e ventisei lei, entrambi rom - sono stati denunciati con l'accusa di ricettazione dai carabinieri della compagnia Porta Monforte, guidata dal capitano Silvio Maria Ponzio. 

Il tesoro dei ladri in casa

I due sono stati fermati mercoledì mattina nell'appartamento che entrambi occupano da quattro anni nelle "case bianche" di viale Fulvio Testi, i quattro palazzoni dell'Aler tra i civici 304 e 310 che negli anni sono diventati il "feudo" della famiglia rom Hudorovic, alla quale la coppia è collegata.

Gli investigatori della stazione Greco, coordinati dal maresciallo Raffaele Vitale, si sono presentati a casa dei due per una perquisizione - collegata a un'altra indagine - e hanno evidentemente colpito nel segno. In una borsa nascosta nell'armadio, infatti, i militari hanno trovato trentotto gioielli, tutti in oro: dieci anelli, quattro paia di orecchini, due ciondoli, sette bracciali, dodici collane e tre orologi, tra cui un Rolex completamente in oro. 

La rapina sulla Milano-Meda

Come se non bastasse dallo stesso armadio sono saltati fuori 28mila euro in contanti e dalla cucina una targa da moto visibilmente contraffatta. La 26enne, messa alle strette, ha provato a dire ai carabinieri che soldi e gioielli erano "regali", ma nessuno le ha creduto. 

La conferma che mentiva è arrivata quando, nel pomeriggio, i militari sono riusciti a risalire alla proprietaria di uno degli orologi: una 63enne che lo scorso febbraio era stata fermata all'altezza di Paderno Dugnano, sulla Milano-Meda, mentre viaggiava della sua auto. Due uomini in moto l'avevano immobilizzata, le avevano fatto credere di avere una pistola e le avevano portato via l'orologio e tre anelli, che la vittima ha riconosciuto nel bottino. 

"Caccia" ai proprietari

La certezza degli investigatori è che quei soldi e quell'oro siano quindi stati rubati durante rapine, truffe agli anziani e furti in casa. Proprio per questo i militari invitano chiunque riconosca uno dei gioielli a recarsi in caserma per la denuncia. 

Il loro lavoro prosegue, invece, per accertare l'eventuale responsabilità dei due ricettatori durante i colpi. La targa da moto trovata nella cucina potrebbe essere un punto di partenza decisamente importante. 

Foto - Gioielli e soldi sequestrati

soldi gioielli rubati-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento