Milano, ha l'auto carica di hashish ma passa un semaforo col rosso e viene beccato: arrestato

Fermato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile: il fatto mercoledì sera in via Gallarate

Repertorio

Ha bruciato un semaforo rosso davanti ai carabinieri, che lo hanno fermato all'istante. In auto, poi, nascondeva due panetti di hashish che avevano impregnato con il loro tipico odore l'abitacolo. 'Beccarlo', per i militari del Nucleo Radiomobile abituati a ben altri livelli di difficoltà, è stato un gioco da ragazzi.

In manette con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio è finito un 62enne italiano. L'uomo, residente a Varedo (Mb), è stato fermato dai carabinieri mercoledì sera lungo via Francesco Cilea, zona Molino Dorino. Aveva appena passato col rosso un semaforo in via Gallarate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta davanti ai militari, ha cercato di giustificare l'odore nell'abitacolo asserendo di aver fumato dell'hashish. In tasca effettivamente aveva una piccola dosi. Dopo una veloce perquisizione, però, da sotto il suo sedile sono venuti fuori due panetti da 315 grammi ciascuno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento