Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

Le fiamme sono divampate verso mezzanotte e mezza. Distrutti alcuni uffici sul tetto

Il rogo - Foto Guarino

Il bagliore del fuoco che illumina il cielo nero della notte. I carabinieri del Radiomobile che si precipitano per la rampa che porta al tetto per verificare che non ci sia nessuno da salvare. E poi il lungo lavoro dei vigili del fuoco, estenuante, andato avanti fino alle prime luci del mattino. 

Video | Le fiamme distruggono gli uffici

Sono i frame della notte di fuoco andata in scena a Milano, teatro di un incendio che si è sviluppato all’ultimo piano del centro commerciale Coop che si trova tra via Palmanova, via Benadir e via Cerna. 

Incendio alla Coop di via Palmanova

Le fiamme, violentissime, sono divampate pochi minuti dopo mezzanotte e mezza, quando al 112 è arrivata la telefonata del custode di un parcheggio h24 che si trova nella stessa struttura, che ospita anche una banca, negozi Ovs e Pittarosso, un Brico e gli uffici e ambulatori del centro medico Sant’Agostino.

I primi ad arrivare sul posto sono stati i carabinieri, che hanno immediatamente raggiunto il tetto della struttura per controllare che non ci fossero persone coinvolte mentre l'allarme automatico del centro continuava ad avvisare tutti di abbandonare uffici e locali, in quel momento fortuntamente vuoti. 

Pompieri al lavoro tutta la notte

Poi è stata la volta dei vigili del fuoco, intervenuti con tre autoscale e altri mezzi per un totale di quattordici squadre. I pompieri hanno "attaccato" le fiamme da tre punti diversi e verso le 2 sono riusciti a contenere parzialmente il rogo, che ha causato lunghissime lingue di fuoco.

Il lavoro è poi finito giovedì mattina, quando una sola squadra è rimasta a compiere operazioni di bonifica.

Distrutti gli uffici 

A bruciare, per cause ancora tutte da accertare, sono stati gli uffici di alcune società, completamente devastati dalle fiamme. Danni, pesanti, anche ad altri negozi, invasi dall'acqua - tantissima - che i vigili del fuoco hanno dovuto usare per spegnere le fiamme.

Pochi i problemi per il centro Santagostino. "Ho fatto stamane un sopralluogo sul luogo dell’incendio e ho verificato che miracolosamente i nostri locali sono rimasti indenni - ha spiegato Luca Foresti, amministratore delegato del centro medico Santagostino -. Stiamo lavorando in collaborazione con i Vigili del Fuoco per definire insieme la data della riapertura del Centro per garantire la totale sicurezza dei nostri pazienti". La struttura, ha fatto sapere il gruppo, rimarrà quindi chiusa e "comunicheremo al più presto la data di riapertura".

Il rogo partito da un condizionatore

Stando ai primissimi accertamenti, pare che a innescare il rogo sia stato il surriscaldamento di un condizionatore che si trova proprio in uno dei locali distrutti.

Accanto ai caschi rossi sono rimasti per tutta la notte anche i soccorritori di Areu, che ha inviato sul posto sette ambulanze e un'auto medica per supporto ai pompieri. Per fortuna, nessuno di loro ha avuto bisogno delle cure dei soccorritori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Uomo sui binari travolto e ucciso dalla metro rossa: aveva 24 anni

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Notte di incidenti a Milano: schianto tra auto in via Primaticcio, 5 ragazzi feriti e un uomo in coma

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento