Incendio a Baranzate: esplosione, fiamme e fumo nell'azienda che tratta rifiuti speciali

Il rogo è avvenuto verso le 16.30 di venerdì pomeriggio. Fiamme spente dai pompieri. Foto

L'incendio - Foto © Gemme

Un boato forte, potente, sentito distintamente da tutti i residenti della zona. Una nuvola di fumo nero e le fiamme. 

Pomeriggio di paura quello di venerdì a Baranzate, nel Milanese, teatro di un incendio che è divampato poco prima delle 16.30 nella Suez, l'azienda - una volta famosa con il nome di Ecoltecnica - che tratta rifiuti speciali, industriali e inerti. Lo stabilimento - catalogato come "Rir", a rischio di incidente rilevante - sorge in via Belgioioso, a due passi dall'albero della vita dell'ex Esposizione universale tra i territori di Milano e Baranzate.

Le fiamme, stando a quanto riferito dai vigili del fuoco, sono divampate all'interno di un "caminetto" di un impianto tritarifiuti. Il calore e la pressione hanno poi causato l'esplosione di alcuni cuscinetti che si trovavano proprio nel macchinario. 

Sul posto sono immediatamente intervenuti i pompieri - che hanno spento le fiamme rapidamente, "aiutati" dall'impianto antincendio dello stabilimento che è scattato subito - i soccorritori del 118, gli agenti della polizia locale e i carabinieri. Nel rogo non si sono registrati feriti, né intossicati. 

La centrale operativa dei vigili del fuoco ha inviato anche uomini del gruppo Nbcr, nucleare batteriologico radiologico e chimico, per verificare l'eventuale presenza di sostanze inquinanti nell'aria. 

Video | Incendio nell'azienda che tratta rifiuti

Molti cittadini, soprattutto su Facebook, hanno raccontato che l'aria è diventata irrespirabile in zona e hanno chiesto informazioni al sindaco Luca Elia. Lo stesso primo cittadino ha scritto su Facebook una breve nota: "Principio di incendio azienda Suez via Belgioiso, ora spento - le sue parole -. Sul posto vvff per verifiche".

Poche ore dopo, lo stesso Elia ha rassicurato i suoi cittadini: "Dai rilievi subito effettuati sul posto dal nucleo Nbcr dei vigili del fuoco non sono risultati danni per l'ambiente - ha scritto nuovamente sulla sua pagina Facebook -. Abbiamo allertato la protezione Civile e Arpa, entrambi sono intervenuti sul posto. Arpa ha effettuato i rilievi in sito e non ha rilevato presenza di sostanze pericolose. Ha poi fatto rilievi in via Belgioioso, Monte Bisbino, Aquileia, Monte Spluga, anche qui non ha rilevato presenza di sostanze pericolose. Tutto - ha concluso il primo cittadino - si è risolto senza alcuna conseguenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già a luglio del 2004, quando la Suez si chiamava ancora Ecoltecnica, lo stabilimento era stato interessato da un incendio, che in quel caso era stato ben più grave. A bruciare allora erano stati alcuni scarti di vernice e oltre cento pompieri erano stati impegnati ore ed ore per domare le fiamme. L'assessore all'ambiente dell'epoca aveva consigliato a tutti i cittadini residenti in zona di tenere le finestre chiuse, anche se poi l'Arpa - come accaduto venerdì - aveva certificato che non esisteva nessuna emergenza inquinamento. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento