Ubriaco e senza patente, travolge e uccide un uomo: condannato all'ergastolo della patente

L'autista, che era fuggito, condannato a 6 anni e mezzo. Per lui patente sospesa per sempre

La scena dell'incidente

A bordo della sua auto aveva travolto e ucciso un uomo di ottantotto anni che stava tornando a casa. Poi, come se nulla fosse successo, era andato nel suo appartamento a dormire, naturalmente su quella stessa macchina. Ma da ora, per decisione del tribunale di Milano, non potrà mai più mettersi alla guida. 

Alessandro Ghezzi, geometra milanese di quarantacinque anni, è stato condannato a sei anni e sei mesi di carcere e alla sospensione a vita della patente per avere, lo scorso 27 gennaio, ucciso l'88enne Sandro Orlandi. 

Quella sera, pochi minuti dopo le 20, il pensionato era stato investito in via Michelino da Besozzo mentre faceva ritorno a casa dopo il solito pomeriggio trascorso al circolo per anziani di via Bodoni. A travolgerlo era stata una Bmw serie 3 guidata proprio da Ghezzi, che dopo l'impatto era fuggito centrando una seconda macchina e un furgone bianco fermo in strada. 

A incastrare il pirata era stato un agente della Polstrada - la loro sede è proprio in via da Besozzo -, che aveva segnato il numero di targa della Bmw e lo aveva consegnato ai ghisa. Gli agenti della Locale a quel punto lo avevano prelevato a casa, un appartamento in cui viveva insieme alla mamma, e lo avevano arrestato con l'accusa di omicidio stradale. Il 45enne - con patente sospesa, ubriaco e a bordo di un'auto senza assicurazione - aveva detto ai vigili di non sapere niente, ma era stato messo nei guai da alcuni pezzi di fanale lasciati sul luogo del dramma. 

Venerdì pomeriggio - al termine del processo con rito abbreviato, che gli ha garantito lo sconto di un terzo della pena - per lui è arrivata la condanna firmata dal gup Natalia Imarisio.

"Sono troppo coinvolto per parlare - le uniche parole del figlio della vittima -, però credo che servano pene anche più severe". "Ci soddisfa - ha invece detto il legale della famiglia Orlandi, Domenico Musicco - la revoca della patente a vita, il cosiddetto ergastolo della patente, un caso raro".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Bisognerebbe daglieli in mano ai detenuti non metterli separati La

    • Non ci sono parole

  • La

  • ma tanto già non l'aveva la patente. che razza di condanna sarebbe questa? Avrebbe un senso se si permettesse l'acquisto di un mezzo solo a chi abilitato con la patente corrispondente... ma siamo in Italia

    • Che ideona, soprattutto fattibile;ciucciati il calzino.

  • Una bestia simile dovrebbe fare almeno 15 anni di galera. Ma finchè non aboliranno questa legge del c...o del patteggiamento, 1/3 di pena cancellata, i familiari delle vittime dovrebbero iniziare a farsi giustizia da soli.

  • Ma che razza di pena è????? Uno uccide e nemmeno gli danno almeno 30 anni!!!!

    • uccide ok ma ha le attenuanti il giudice ne tiene conto.

    • Ne hanno dato 16 ad un marito che ha dato 29 coltellate alla moglie....

  • Ha ucciso un uomo, mentre guidava ubriaco senza assicurazione e senza patente. Adesso che il giudice ha sentenziato che non potrà mai più riaverla,è sicuro che non guiderà mai più......ma proprio sicuro sicuro..... In questo articolo non si parla del solito extracomunitario che una condotta simile, ce l'ha,perchè secondo qualcuno è nel suo DNA, ma di un italiano con tutte le carte in regola, la mia non vuole essere una polemica, ma semplicemente per ricordare a chi scrive, che non è mai giusto fare di tutta l'erba un fascio..... Il bello e il brutto, come il buono e il cattivo c'è ovunque.

    • Scusa ma cosa vuol dire farne una questione di origine? Sicuro sicuro no ma di certo in maniera lecita non potrà più guidare se poi ha la malsana idea di voler guidare nonostante gli sia inibito i casi sono due o lo si rinchiude per sempre o gli si mozzano gli arti quindi la certezza non potremmo mai averla! Per quanto concerne i famigerati extracom non è colpa nostra se una percentuale elevata di crimini vengono commesso da cittadini stranieri mantenendo il principio che un criminale italiano è da punire in egual modo

    • Condivido la tua opinione Enrico

    • Giusto Enrico.

    • La legge sull'omicidio stradale e sulle lesioni colpose gravi e gravissime è stata fatta male in tutti i sensi. Pensa che se per pura sfortuna (come sta capitando a migliaia di persone in Italia da quando è stata promulgata nel 2016) fai un incidente che prevede che uno dei coinvolti abbia più di 40 giorni di prognosi (basta un braccio rotto e in alcuni casi è stato sufficiente un colpo di frusta con prognosi compiacente) e anche se c'è concorso di colpa e subisci un processo penale che se si conclude con condanna (quasi sempre) prevede oltre alla teorica reclusione da 3 mesi ad un anno, anche la revoca (obbligatoria) della patente con divieto di conseguirla di nuovo per 5 anni. E ciò anche se sei sobrio, non sei drogato e non sei sotto effetto di psicofarmaci. E questo anche se hai trenta punti sulla patente, non ne hai mai perso uno e non hai mai avuto incidenti in vita tua. Se per sfortuna ti attraversa qualcuno di colpo la strada sulle strisce pedonali e la prendi dentro anche a bassissima velocità ti ritrovi dall'oggi al domani nella melma fino al collo. E questo anche per eventi dovuti ad una semplice distrazione o svista (alzi la mano a chi non è capitato d'inchiodare di colpo perché a prima vista il passaggio pedonale appare libero e da dietro al SUV spunta qualcuno/a invisibile perché occultato dalla suddetta auto?)...

    • Giusto Enrico.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzino preso a calci e coltellate per una donna dai latinos: il video del tentato omicidio

  • Cronaca

    Città Studi, palazzo evacuato per fuga di gas: paura tra i condomini

  • Cronaca

    Dà un passaggio a una ragazza e la stupra: condannato a 4 anni e 8 mesi tassista abusivo

  • Incidenti stradali

    Incidente in viale Corsica: attraversa fuori dalle strisce e una moto lo travolge, è grave

I più letti della settimana

  • Milano, Area B parte il 25 febbraio: Diesel "al bando" in città, sarà la Ztl più grande d'Italia

  • Perde il controllo del tir, si schianta contro il guardrail e abbatte un palo: morto un 30enne

  • Sciopera Milano Ristorazione e ai bimbi a scuola viene servito questo tramezzino: foto

  • Travolge e uccide un pedone: figlia della Boccassini indagata per omicidio stradale

  • Omicidio durante lite violenta: gli lancia una bicicletta, morto

  • Milano, sciopero dei mezzi 11 e 12 novembre: nessuna fascia di garanzia, ecco gli orari

Torna su
MilanoToday è in caricamento