Incidente in viale Monza: Livio, il 56enne lasciato morire in auto da un pirata della strada

Chi è la vittima del tragico incidente di domenica in viale Monza. Risiedeva a Cornaredo

La Qashqai di Livio e una sua foto - © MilanoToday

È Livio Chiericati, cinquantaseienne milanese, l’uomo morto domenica mattina nel tragico incidente in viale Monza che ha coinvolto la sua auto - una Nissan Qashqai - e un’Audi Q7, guidata da un pirata della strada - un trentenne - che subito dopo lo schianto è fuggito a piedi e si è consegnato soltanto dodici ore dopo

Livio, secondo quanto finora ricostruito dalla polizia locale, si stava immettendo sul rettilineo da via Popoli Uniti, quando l’Audi - a velocità elevata e, sembra, senza rispettare un semaforo rosso - lo ha centrato e spazzato via

Il cinquantaseienne è rimasto incastrato nella sua vettura - in condizioni disperate, ma ancora vivo -, mentre il pirata della strada è fuggito a piedi senza allertare i soccorsi. 

I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo per estrarre la vittima dalle lamiere della Nissan, ma quando l’uomo è arrivato in ospedale i medici non hanno potuto far altro che constatare il suo decesso. 

Video | Le due auto distrutte dopo il tremendo schianto 

video incidente viale monza foto-2

La polizia locale è risalita al pirata proprio grazie alla Q7 abbandonata sul luogo dell'incidente perché l'auto era regolarmente assicurata e intestata a una donna residente a Nerviano. Alla guida della vettura, quindi, ci sarebbe stato suo marito: il trentenne che domenica sera ha telefonato alla Locale per costituirsi. L'uomo è stato arrestato con le accuse di omissione di soccorso e omicidio stradale. 

Grande appassionato di musica - il suo profilo Facebook è pieno di foto che lo ritraggono alla batteria -, Livio aveva studiato all’Itis Luigi Galvani di Milano e attualmente risiedeva a Cornaredo. 

Il cinquantaseienne, padre di due figlie, era un esperto di informatica ed ex dipendente di Memorex Telex. Gli stessi ex colleghi hanno voluto dedicargli un ultimo pensiero sul loro gruppo social: “Con immenso dispiacere e dolore nel cuore - si legge nel post - vi dobbiamo comunicare che oggi è venuto a mancare un carissimo amico”. E sotto sono stati in tanti a dedicare un ultimo pensiero al cinquantaseienne. 

Ora era amministratore delegato di una società di software nel centro di Milano e soprattutto, per pura passione, era un batterista. Suonava nei Rotten Groove, un piccolo gruppo di amici e musicisti. Quegli stessi amici che ora condividono ossessivamente quella foto per ricordarlo ancora un po'. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

Torna su
MilanoToday è in caricamento