Incidente in viale Legioni Romane: suv tampona car sharing, morta nota cantante

La vittima è la star ecuadoregna Paulina Calahorrano, viaggiava a bordo di un'auto del car sharing

La cantante scomparsa

Una donna morta poco dopo il suo arrivo in ospedale e due uomini lievemente feriti. E' questo il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto alcuni minuti dopo l'una di mercoledì in viale Legioni Romane, nei pressi della fermata metro Primaticcio a Milano.

La vittima è Paulina Calahorrano, stella della musica latino americana di 42 anni che viaggiava come passeggera a bordo di un'auto elettrica di un noto servizio di car sharing attivo a Milano. La piccola vettura è stata tamponata da un suv Porsche Cayenne che l'ha letteralmente scaraventata contro le altre automobili in sosta. La 42enne è rimasta incastrata nell'auto e per liberarla è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco. Rianimata sul posto dal personale del 118 è stata dichiarata ufficialmente deceduta al San Carlo.

Le prime chiamate al 118 arrivano all'1.07. Dalla centrale operativa comprendono fin da subito la gravità dell'incidente e sul posto vengono inviate tre ambulanze e due automediche. I conducenti delle auto, un 26enne (auto elettrica) e un 27enne (suv), sono scossi e leggermente feriti: finiscono al San Paolo e al Policlinico. Il personale sanitario si concentra sulla donna ma è incastrata nell'abitacolo della Share'ngo. Solo dopo la sua liberazione, i medici possono cominciare senza ostacoli la manovra di rianimazione. I tentativi di tenerla in vita proseguono senza sosta ma invano nell'ambulanza che la trasporta al San Carlo.

La polizia locale inizia i rilievi poco dopo. Oltre le auto sulle quali viaggiavano i feriti, sono state coinvolte altre sette vetture parcheggiate lungo i lati della strada. Non è ancora stata accertata la dinamica dei fatti, né lo stato psico-fisico dei conducenti: stando alla prima ipotesi dei ghisa, la Share'ngo avrebbe provato a fare inversione a "U" ed è stata travolta dalla Porsche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Carlitos ti sbagli..... io personalmente e come tanti nn faccio uso di cocaina e tanto meno corro come se fossi in pista.... Poi se mi trovo davanti uno che mi fa inversione così all' improvviso nn è colpa mia..... bisogna fare 2 domande a chi guidava quella macchina.... x il resto mi spiace x colpa di uno dei 2 ci ha rimesso la vita una terza persona. R.I.P.

  • Penso che per Milano ci sono un sacco di corridori con "macchinoni" che tirano di Cocaina...Non ci sono mai controlli , e ognuno fa quello che gli pare.Anche sul punto di vista stradale,Milano è una delle peggiori in tutta Italia. RIPOSA in pace la Signora.

Notizie di oggi

  • mobilità

    Inquinamento a Milano, arriva blocco traffico primo livello: chi non può circolare

  • Cronaca

    Spari in pieno giorno nel parco dello spaccio: due uomini feriti alle gambe a colpi di pistola

  • Attualità

    "Non voglio stare vicino a una negra": la denuncia di una giovane in treno a Milano

  • Politica

    ITALIAVANTI, il 27 ottobre con Toti e Crosetto a Milano Stefano Maullu lancia la sfida

I più letti della settimana

  • 16enne si sente male a scuola: morta

  • Milano, ecco perché fumo e odore di bruciato vengono avvertiti in quasi tutta la città

  • Milano, vento molto forte: cadono alberi e case danneggiate

  • Forte odore di bruciato a Milano: boom di segnalazioni da piazzale Lotto a Città Studi

  • Incendio in via Chiasserini, allarme diossina: acceso un ventilatore per allontanare i fumi

  • Milano 'terra dei fuochi': l'incendio dei rifiuti va ancora avanti. Le avvertenze per i cittadini

Torna su
MilanoToday è in caricamento