Scontro fra treni, indagati due macchinisti: "Hanno 'bruciato' il semaforo rosso"

Quel giorno alla stazione di via degli Alpini era stata attivata la maxi emergenza

Rerertorio

Apprendista macchinista e il suo tutor indagati per l'incidente ferroviario avvenuto a Inverigo nella sera del 28 marzo 2019: l'inchiesta della Procura di Como per disastro ferroviario colposo e lesioni colpose. Numerosi i feriti e i contusi nell'impatto tra i due convogli, fortunatamente nessuno in maniera grave.

Come riporta l'Ansa, gli indagati sono un apprendista macchinista e il suo 'tutor' alla guida del convoglio in partenza verso Asso e che, secondo la ricostruzione del Procuratore Nicola Piacente e del pm Daniela Moroni, non avrebbe rispettato il semaforo rosso. Ai due è stata notificata una informazione di garanzia.

L'incidente tra i due treni

Quel giorno, verso le 18.40, alla stazione di via degli Alpini era stata attivata la maxi emergenza. Il treno 1665 (Milano Cadorna 17.38 - Asso 18:59) e il treno 1670 (Asso 18.03-Milano Cadorna 19.22) che si sono scontrati mentre procedevano a bassa velocità sullo stesso binario. Si tratta di una linea di proprietà di Ferrovie Nord Milano.

Secondo quanto ricostruito da Trenord, sarebbe stata la partenza con il semaforo rosso del treno diretto ad Asso a causare l'incidente. Il macchinista ha immediatamente frenato, senza poter evitare il contatto con l'altro treno che procedeva a bassa velocità nella direzione opposta. In seguito allo scontro ci sarebbe stato anche il deragliamento di alcune carrozze. Trenord annuncia di avere aperto un’inchiesta interna.

C'era stato un grande spiegamento di mezzi di soccorso: in via degli Alpini a Inverigo sono arrivate 4 ambulanze, 2 automediche e l'elisoccorso, sia quello decollato da Milano che quello di Como. Sul posto anche i vigili del fuoco di Como, la Polfer comparto di Milano e i carabinieri di Cantù.

Le parole dell'assessore Terzi

"Sto costantemente monitorando l'evolversi dei fatti di Inverigo tenendo informato il presidente Attilio Fontana. Il primo pensiero è per le persone rimaste ferite nell'incidente ferroviario: per fortuna non ci risultano feriti gravi. A loro va tutta la nostra vicinanza". Lo ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

"Abbiamo immediatamente chiesto ai responsabili del servizio - ha aggiunto - di fornire tempestivamente una relazione puntuale su quanto accaduto stasera. Ci riserviamo di fare le valutazioni del caso non appena avremo tutti gli elementi a disposizione. Secondo le prime informazioni, però, lo scontro sarebbe stato causato dall'errore umano di un macchinista partito con il rosso". 

"Un grande ringraziamento ai soccorritori, alle Forze dell'ordine e alla Protezione civile per la consueta tempestività ed efficienza. Ci aspettiamo - ha concluso Terzi - che si intervenga per limitare al massimo i disagi per gli utenti in attesa della riattivazione della linea".

Foto dell'incidente

Scontro fra treni a Inverigo (foto vigili del fuoco)-2

.0.0 .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento