Sasso lanciato contro un'auto a Cernusco: donna morì per la pietra e non per lo choc

La donna è morta perché colpita, probabilmente allo sterno, dal blocco di pietra. Le indagini

Il sasso che l'ha colpita

Nilde Caldarini (chi era), la donna di 62 anni morta il 10 novembre è stata uccisa perché colpita direttamente dal sasso, e non per un infarto causato dallo choc come si era ipotizzato inizialmente.

La 62enne era assieme a 4 amici, nell'auto centrata da una pietra lanciata da un terrapieno a lato della strada provinciale 121 a Cernusco sul Naviglio (Milano). La causa del decesso è stata accertata da una consulenza medico-legale, non ancora depositata e disposta dal pm Silvia Bonardi, nell'inchiesta per omicidio volontario. Si indaga per scoprire chi lanciò il sasso.

Stando agli esiti, al momento conosciuti, degli accertamenti medico-legali (i consulenti della Procura devono, però, ancora depositare formalmente la loro relazione al pm), la donna è morta perché colpita, probabilmente allo sterno, dal blocco di pietra che è stato lanciato dal terrapieno. A questo punto, il reato ipotizzato nel fascicolo di indagine è omicidio volontario. Ancora nessuna traccia di chi lanciò il sasso.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

  • Morto il musicista milanese 'Marione': fu il chitarrista di Battiato

Torna su
MilanoToday è in caricamento