Sequestrato laboratorio cinese in Lomellina

Vari quintali tra borse (con marchi d'alta moda, forse contraffatti) e pellame. Multa di 40 mila euro all'imprenditore

Un laboratorio di borse e altri prodotti in pelle e stoffa è stato sequestrato a Gambolò, in Lomellina, venerdì 28 marzo. Il laboratorio era infatti privo di qualunque misura di sicurezza. Un imprenditore cinese di 32 anni, residente ad Alba Adriatica, legale rappresentante dell'azienda, è stato denunciato.

I carabinieri hanno trovato tre lavoratori (su sette) in nero. Inoltre, tra le altre violazioni, non erano presenti estintori e non era stato nominato un medico competente per la sorveglianza sanitaria.

L'imprenditore è stato multato per 40 mila euro e la struttura è stata sequestrata insieme alle macchine utensili, materia prima e borse per diversi quintali. Il valore complessivo del sequestro è di circa un milione di euro. I militari stanno compiendo accertamenti sia sulle condizioni igieniche del luogo di lavoro sia sull'autenticità dei marchi ("griffe" di alta moda) rinvenuti sulle borse.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Malpensa, fagioli scambiati per ovuli di coca: brutta disavventura per un turista brasiliano

Torna su
MilanoToday è in caricamento